Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 100.656.085
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/10/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Sabato 17 ottobre 2020 alle 14:02

Lecco, Ciak Cenacolo: tornano le proiezioni, 20 film da mercoledì

E’ stata presentata questa mattina in conferenza stampa la nuova stagione 2020/21 del Teatro Cenacolo Francescano di Lecco. Ad illustrare il cartellone e le iniziative in programma Mario Bonacina presidente dell’associazione, con Riccardo Arigoni, vicepresidente. Un tentativo di ripartenza non senza ansie e difficoltà legate all’emergenza sanitaria in corso e alle incertezze per il futuro.

«Permettetemi una considerazione storica – ha esordito il presidente con amarezza – perché siamo alla riapertura dopo 8 mesi di interruzione. La scorsa stagione è stata interrotta dalla vicenda Covid e purtroppo era un anno importante per la nostra Compagnia che celebrava il 25esimo anno di attività. La rassegna teatrale “Una città sul palcoscenico” si è interrotta a metà del terzo appuntamento, andato in scena il 22 febbraio: era prevista una replica per il giorno successivo, che non si è mai tenuta».
Settimana prossima intanto si riprende con «Ciack Cenacolo», rassegna di venti film che saranno proiettati il mercoledì alle 15 e alle 21: cinque euro il costo del biglietto singolo. Per gli abbonamenti ci saranno invece due opzioni: venti spettacoli a 60 euro o 10 a 35. Per chi non ha usufruito della tessera lo scorso anno sono stati resi disponibili dei voucher utilizzabili a questo giro. Mercoledì si riparte dunque, con «Cyrano Mon Amour»: a seguire, di settimana in settimana, il cartellone offre film di ogni genere, dal comico, al biografico, al drammatico. La rassegna si concluderà il 24 marzo con «Volevo nascondermi», film di Giorgio Dritti, sull’artista italiano Antonio Ligabue. Biglietti e abbonamenti sono acquistabili sia online (www.teatrocenacolofrancescano.it) che al botteghino in piazza Cappuccini a Lecco.
Il 22 novembre prossimo intanto riprenderanno anche gli spettacoli dedicati ai bambini con le famiglie: «Vorremmo prevedere un doppio appuntamento – hanno detto gli organizzatori – anche se l’impegno non è indifferente, considerate le nuove norme e la necessità di provvedere alla sanificazione degli ambienti dopo ogni spettacolo».
Ancora incerto invece il destino delle altre iniziative tradizionali, a cominciare da «Lecco Lirica» ripartita l’anno scorso dopo 4 anni di assenza e purtroppo interrotta al terzo appuntamento. Stesso discorso per la rassegna teatrale: «Ci incontreremo martedì – ha detto Arigoni – per decidere il da farsi. Influiscono molto anche le nuove norme anti contagio: pensiamo ad esempio alle scene in cui gli attori devono abbracciarsi o stare molto vicini, o all’impossibilità di tenere la mascherina in scena». Sarà negata invece con ogni probabilità la ripresa di «Primi passi a teatro», dedicata ai più piccini.
La lunga attesa per l’agognata ripartenza sta dunque per essere premiata, anche se con qualche marcia in meno per la drammaticità della situazione attuale: «Dovremo seguire i protocolli – ha aggiunto Bonacina – che prevedono la sanificazione delle mani all’ingresso e il rilascio dei dati dei partecipanti, che conserveremo per 14 giorni. Stiamo pensando se attuare o meno la rilevazione della temperatura per ragioni di tempo, ma sono tutte cose sulle quali stiamo ragionando. Dovremo tenere il distanziamento non solo in sala, ma anche all’ingresso e chiaramente ci sarà l’obbligo di indossare la mascherina anche durante le proiezioni».
La sala del «Cenacolo» con i suoi 494 posti è attualmente la più grande della città: al momento le poltrone saranno ridotte di un terzo circa, per un totale di 180 posti. I sedili non occupabili saranno sigillati in modo da garantire la sicurezza di tutti i partecipanti e verranno poste le indicazioni dei percorsi di entrata/uscita.
«Invitiamo chi lo desiderasse – hanno concluso gli organizzatori – ad offrirci il loro tempo e la loro disponibilità. Abbiamo bisogno di volontari che ci aiutino a gestire gli ingressi, le uscite e in generale la nuova situazione, per una ripartenza in sicurezza, per poter ricominciare a diffondere cultura: perché la cultura educa alla vita».
A.I.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco