Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 158.948.138
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 03 novembre 2020 alle 18:11

Olginate: ignora l'alt della PL e fugge a 180 km/h, un 47enne calolziese 'nei guai'

Immagine di repertorio
Inseguimento "rocambolesco" nella tarda serata di venerdì per la Polizia Locale di Olginate.
Tutto è iniziato in via Redaelli, all'uscita del Ponte Vittorio Emanuele, dove gli agenti in servizio - impegnati in un pattugliamento nell'ambito dei controlli notturni voluti dall'Amministrazione Comunale, anche per verificare il rispetto delle norme anti Covid - hanno "palettato" un'auto proveniente da Lecco: all'alt il conducente si è però dato alla fuga in direzione del centro paese, per poi - una volta attraversata tutta via Cantù - immettersi sulla provinciale senza rispettare il segnale di precedenza, a una velocità di circa 180 chilometri orari; inseguito dalla volante, ha inoltre effettuato un paio di sorpassi "proibiti" in corrispondenza degli attraversamenti pedonali, "seminando" gli agenti che nulla hanno potuto fare per fermarlo.
Individuata la targa del veicolo, nei giorni scorsi gli uomini guidati dal Comandante Matteo Giglio hanno dato il via alle indagini per risalire all'identità del conducente, aiutati dalle immagini riprese dalle telecamere: si tratta di un 47enne calolziese, che ora "rischia grosso" non soltanto per le varie infrazioni commesse nella fuga, ma anche per la violazione del coprifuoco dovuto all'emergenza Covid, essendo stato "beccato" in auto - senza comprovate esigenze - dopo le 23.00.
L'episodio è stato segnalato dalla Polizia Locale di Olginate anche alla Prefettura di Lecco, a cui spetterà il compito di prendere i provvedimenti necessari contro il responsabile, già noto alle forze dell'ordine.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco