Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.354.191
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 14 novembre 2020 alle 10:45

Olginate: Passoni tenta il bis per la 'continuità di un percorso', cercando di 'recuperare' la Sinistra

Un'immagine del Consiglio Comunale di Olginate
L'ufficialità è arrivata stamane, ma la notizia era nell'aria da tempo: Marco Passoni è pronto a tentare il bis, sarà ancora lui il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative olginatesi, come condiviso dal locale Circolo PD e dal gruppo civico "Obiettivi in Comune 3.0", entrambi al lavoro ormai da mesi per costruire un cammino sulla falsa riga di quello avviato nel 2016, ma questa volta con il chiaro intento di proporre un progetto di continuità.
Ed è stato proprio il desiderio di proseguire sulla strada intrapresa, portando a termine i percorsi che ragionevolmente non vedranno la fine entro la prossima primavera, a spingere Marco Passoni - classe 1977, sposato con due figlie - a riconfermare la propria disponibilità all'incarico, dopo quattro anni e mezzo in cui - al di là dei risultati raggiunti - non ha mai mancato di far sentire la sua presenza costante in paese, tra la gente, ancor più nell'ultimo periodo colpito dall'emergenza sanitaria.
"Mi è sembrato corretto prendere questa decisione, innanzitutto per portare a conclusione ciò che è rimasto in sospeso" ha commentato il sindaco, ex commerciante e attuale consigliere provinciale con delega all'edilizia scolastica. "Non parlo di opere singole, ma piuttosto di progettualità diffuse, che richiedono tempo, come quella per la "Smart City" che di fatto abbiamo appena avviato. Non ho mai ragionato nella logica dei cinque anni: per questo spero che - anche nel caso in cui qualcun altro dovesse prendere il mio posto - quanto fatto finora non vada sprecato, per il bene della comunità".
Marco Passoni
Come anticipato, è già certa la presenza a sostegno del candidato sia del Circolo PD di Olginate - con Davide D'Occhio "declassato", a metà mandato, da assessore a consigliere - sia del gruppo "Obiettivi in Comune 3.0" che vede come referente Roberta Valsecchi, intorno al quale si sono riuniti negli ultimi mesi anche diversi volti nuovi, compresi alcuni giovani: proprio da queste due realtà era emersa, tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016, la composizione della lista civica "Olginate 2020" che ha poi occupato i banchi della maggioranza, grazie a una vittoria per un pugno di voti sullo sfidante Riccardo De Capitani. Allora, nell'ambiente, si era però verificata anche una "spaccatura", con Vincenzo Petrelli - già in assise al fianco del precedente sindaco Rocco Briganti - che aveva deciso di correre da solo con una terza squadra orientata a sinistra, "Voler bene a Olginate", rimasta poi esclusa dal Consiglio Comunale per scarsità di preferenze.
"Stiamo cercando di ragionare anche con loro per condividere un percorso basato sui contenuti, sul programma" ha chiarito l'attuale primo cittadino. "Finora non si è ancora discusso della futura composizione della lista, ma punto alla conferma di una buona parte dei "vecchi" candidati, con un necessario ricambio di altri. Tutti gli assessori e i consiglieri di maggioranza uscenti ci sono, per il resto non abbiamo nessuna preclusione, anzi speriamo di poter proporre anche qualche "new entry" e - se possibile - di recuperare una o più figure dallo "zoccolo duro" di Vincenzo Petrelli. A breve, Covid permettendo, ci incontreremo di nuovo tutti insieme per parlare di questo e del programma".
Ancora tutta da capire, invece, l'eventuale strategia che adotterà l'attuale gruppo di minoranza "Olginate Si Cambia" - in Consiglio con Riccardo De Capitani, Andrea Secchi, Selene Ratti e Rosa Amati - per provare a contrastare la seconda corsa alla poltrona di sindaco di Marco Passoni e "digerire" una volta per tutte una sconfitta per soli 49 voti che, dopo oltre quarant'anni di governo ininterrotto del centrosinistra, aveva lasciato non poco amaro in bocca.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco