Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.375.685
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Martedì 17 novembre 2020 alle 18:45

Caro dolce isolamento sanitario

Una delle camere dell'ostello del Monte Barro
Cara Leccoonline,

È appena stato firmato un Bando che a fronte di 150.000 euro, di ATS Brianza, farà nascere il primo hotel covid lecchese; gli alberghi sanitari per persone positive che, pur non presentando sintomi tali da essere ricoverate, devono restare isolate ma la propria abitazione non risponde a questo requisito.

A vincerlo, unica partecipante, Legambiente che ha messo a disposizione 10 posti presso l'Ostello del Monte Barro che gestisce.

Forse mi sbaglio e non ho compreso bene il Bando ma ATS Brianza riconosce all'associazione ambientalista per questi 10 posti per persone da tenere semplicemente isolate più che monitorate sanitariamente la cifra di 80€/gg (esenti da Iva e tassa soggiorno).

Questo per 2 pasti+colazione, cambio lenzuola max 2 volte a settimana, wifi.
Per sanificazione e pulizia a fine permanenza dell'ospite l'ATS potrà riconoscere per questo servizio un ulteriore contributo a forfait.

80 euro al giorno. All'Ostello su al Monte Barro.

Con questo non voglio minimamente sminuire l'utilità di trovare strutture per tenere in isolamento i pazienti positivi, che è e resta cosa buona e giusta, ma evidenziare per un ragionamento pubblico, il contributo economico offerto e accettato per tale servizio.

Un servizio poco più che domiciliare, in struttura non certo a 4 stelle seppur amena, a fronte di esperienze e costi della stessa tipologia a Milano (Hotel Michelangelo a marzo, per es.), quello offerto in Bandi simili da altre Ats in Toscana, Veneto, Piemonte con cifre ben inferiori per Alberghi e Hotel, non Ostelli.
E soprattutto quanto riconosciuto nei famosi Bandi prefettizi per la prima accoglienza dei richiedenti asilo.
Ci ricordiamo?

Stiamo parlando di 10 posti benché a rotazione, poco più di 20/25 persone al mese.
Con contagi di centinaia di persone al giorno.

Perché poi non ci sono hotel e albergatori che aderiscono a un Bando dove gli ospiti debbono stare solo in isolamento è un'altra cosa che perplime un poco.
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco