Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.375.704
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Giovedì 19 novembre 2020 alle 14:35

Civate: Radio Deejay svela il 'mistero' dei 3 mezzi dei VVF

Tutto comincia su Facebook, sul gruppo “Sei di Civate se…”, quando alle 19.44 di mercoledì 17 novembre un utente segnala la presenza di “diverse autopompe dei vigili del fuoco che salivano in paese”, chiedendo se qualcuno ne sapesse qualcosa. Ma nessuno le aveva notate.
Nessuna notizia di eventi particolari per cui potevano essere presenti i Vigili del Fuoco a Civate, ma nemmeno nei comuni limitrofi per spiegare quanto meno un transito. Non ne sa nulla il sindaco Angelo Isella che ha chiesto anche alla Polizia Locale di effettuare verifiche, senza ottenere riscontri. Mistero assoluto.
Un mistero che si è svelato solo il giorno successivo, a Radio Deejay. Il caso è diventato talmente grande da interessare una radio nazionale? No, no. Niente di tutto ciò: a Radio Deejay lavora infatti come regista Enzino Fargetta, residente a Civate, che ha raccontato in diretta l’accaduto.
A chiamare i vigili del fuoco sarebbe stato... un suo anziano vicino di casa, preoccupato dall’alzarsi di fumo nero e fuliggine proprio dalla sua abitazione. Nessun incendio era però divampato a casa Fargetta.  
Il noto civatese aveva semplicemente bruciato nel camino alcune foglie secche. Giunte sul posto, le tre autopompe dei Vigili del Fuoco non hanno potuto far altro che constatare la situazione: nessun rogo fuori controllo, nessun pericolo. Niente di niente. Per fortuna, ci viene da aggiungere: tutto è bene quel che finisce bene. E in questo caso anche con due risate che hanno portato Civate... alla ribalta nazionale, il tempo di un sorriso.
Mi.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco