Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.375.243
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Venerdì 20 novembre 2020 alle 15:46

Funerale celebrato anche...in diretta su YT. L'addio, a Ballabio, all'attivissimo Panzeri

Dopo la messa domenicale e il catechismo, da casa, quest'oggi, poco meno di una cinquantina di persone hanno potuto seguire in diretta sul canale yuotube della parrocchia dell'Unità pastorale di Ballabio anche... un funerale. Le esequie di Giovanni Luigi Panzeri, mancato a 82 anni lo scorso 11 novembre, sono state infatti trasmesse online per permettere a parte della famiglia ancora in isolamento covid di assistervi, allargando così la partecipazione anche a conoscenti e amici impossibilitati a raggiungere la Chiesa di San Lorenzo ma desiderosi di tributare un ultimo saluto all'anziano, attivissimo volontario legato alla comunità, pur essendo originario di Bartesate, come sottolineato nell'omelia da un commesso don Benvenuto Riva, chiamato a trovare le parole giuste per esprimere la riconoscenza di tutta Ballabio nei confronti di un uomo impegnato in più campi.

Già presidente del GSO e del Circolino, Panzeri era stato anche membro del consiglio pastorale e soprattutto “tuttofare” dell'oratorio. Non ha avuto dubbi il celebrante, nell'omelia, rifacendosi alle Letture proposte durante la funzione: Giovanni ha ricevuto i suoi cinque talenti e sicuramente li ha saputi raddoppiare, dimostrando costante attenzione per tutti e sapendosi prendere cura degli altri. “Quanto ti abbiamo a cuore!” ha sostenuto il sacerdote, parlando del prezioso collaboratore come di colui che ha sempre sostenuto la struttura oratorio, dedicandosi anche a temi minori come la raccolta della carta straccia da rivendere per raccogliere denaro. Una piccola cosa a riprova del suo “tenerci”, come pure il seguire l'allestimento del presepe sul prato della canonica. Un compito che, dopo anni, a breve dovrà essere “ereditato” da qualcun altro.

Giovanni Panzeri

“Se vedeva in giro bellezza, la voleva replicare nel suo vissuto” ha sostenuto don Benvenuto, affidando Panzeri al Signore nella convinzione che l'amore vince la morte. “Nel nostro affetto Giovanni rimane presente, il nostro rapporto non si spegne alimentato dalla stima”. L'82enne lascia la moglie Graziella, i figli Carlo con Maria Elena, Elisabetta con Stefano, Marco con Milena, gli adorati nipoti Stefano, Michele, Matteo, Alessandro, Samuele, Nicolas nonchè la sorella Pinuccia. A loro quest'oggi sono andate le “scuse” dei ragazzi dell'oratorio, per tutte le volte che hanno trattenuto Giovanni più del dovuto. E, rivolgendosi direttamente a colui che tra le mura della struttura a ridosso della chiesa rendeva tutto possibile, i giovani di Ballabio Inferiore hanno voluto dire “grazie”, riconoscendo nell'anziano volontario - “che ci ha insegnato il Vangelo del fare” - la forza del centro.  “Sappiamo che stai pensando a come riorganizzare l'oratorio del paradiso”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco