Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.374.137
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Sabato 21 novembre 2020 alle 15:45

I 'piccoli' cercano di fermare i colossi del web. L'appello di Casargo a aderire a #valsaszon

Più Davide uniti contro Golia. I commercianti dell'Alta Valsassina in uno dei periodi più difficili per le piccole attività locali hanno lanciato una campagna “di sopravvivenza” chiedendo alla loro gente di non lasciarsi tentare dai colossi dell'e-commerce, continuando a sostenerli. E' nata così #valsaszon. L'amministrazione comunale di Casargo ha sposato in toto l'iniziativa. Ecco dunque l'appello – campanilistico nel senso positivo del termine e per certi risvolti anche “politico” - del primo cittadino Antonio Pasquini e del suo vice, con delega al commercio, Wilma Berera.


Quando si vive in una Nazione, in una città o in un paese, grande o piccolo che sia, è come se si vivesse tutti sotto lo stesso tetto, si finisce per condividere molte gioie e preoccupazioni, ma soprattutto chi vive sotto lo stesso tetto sa benissimo che il proprio benessere e la propria tranquillità, economica e sociale, molte volte dipendono da quelle dei propri vicini, infine si è pure consapevoli del fatto che spesso sostenere con forza gli altri è un modo per sostenere ancora con più vigore sé stessi.  
Ecco questa è l’essenza dell’iniziativa portata avanti da i nostri commercianti ed esercenti: meno compere online e più acquisti nei negozi e nelle attività di vicinato, le quali hanno pagato, e continuano a pagare, un prezzo altissimo in conseguenza della crisi economica indotta dalle misure di contenimento per il Covid-19.  Lo stesso non può dirsi di Amazon, il principale colosso di vendite on-line, che nel periodo di quarantena ha visto aumentare esponenzialmente i propri ricavi, tutti conosciamo quali siano i punti di forza di Amazon ma conosciamo anche i suoi lati oscuri, purtroppo non altrettanto “celebrati”, a partire per esempio da una fiscalità privilegiata, comune a tutti i big del web e che mai è stata pienamente avversata da i Governi d'Europa, inoltre sappiamo pure che da posizioni di monopolio o di oligopolio alla lunga non può derivare alcun beneficio né per l’economia né per il consumatore finale.  
Un modo per spezzare questa tendenza e per rivitalizzare il proprio territorio è quello di effettuare acquisti e spese presso le attività di vicinato, si tratta del modo più concreto ed immediato per sostenere l’economia e l’occupazione della propria zona, la quale una volta priva di attività economiche sarà inevitabilmente più impoverita e spoglia.   
Acquistare vicino a casa è una scelta etica ed ecologica, che permette di preservare negozi ed attività che sono anche custodi di saperi, tradizioni e di un patrimonio inestimabile di relazioni sociali che non può andare disperso; inoltre non si può dimenticare l’insostituibile ruolo sociale che i negozi svolgono, per esempio a favore della fascia di popolazione anziana,  senza contare il costante contributo alle attività sociali e ludiche che si tengono nei  paesi, anche questo è un aspetto importante che non viene mai ricordato abbastanza!  
Questa campagna nasce per gli imminenti acquisti natalizi, ma sarebbe bello continuasse anche dopo, ed è portata avanti da molte realtà, in Francia per esempio ha visto una mobilitazione nazionale con l’adesione di molti intellettuali e personaggi autorevoli  che si sono apertamente schierati per un  #NoëlSansAmazon [natale senza amazon].   
Pensiamoci! Possiamo passivamente lasciare che tutto “vada così” oppure possiamo apportare il nostro contributo, grande o piccolo che sia,  per far si che le cose possano andare meglio per il maggior numero di persone possibili #valsaszon
A Natale sostieni chi ti è stato vicino.

Antonio Pasquini Sindaco di Casargo
Wilma Berera Vice Sindaco di Casargo  e Assessore al Commercio
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco