Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 110.203.474
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/01/2021
Merate: 67 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 56 µg/mc
Valmadrera: 89 µg/mc
Scritto Venerdì 27 novembre 2020 alle 14:18

Pino non si trova, dopo aver dato l'addio a un altro cane i proprietari offrono 2.000 euro

Print Friendly and PDF Bookmark and Share
Pino
Cercasi disperatamente Pino, un setter inglese smarrito già un mese fa sulla cima del Monte Due Mani: dopo un breve avvistamento risalente a qualche ora dalla scomparsa, i proprietari non ne hanno più avuto notizia. La cifra offerta come ricompensa non è da poco: 2mila euro a chi lo riporta a casa a Galbiate, dai fratelli Rusconi, la sua famiglia.
«La nostra speranza – racconta Lorenzo – è che qualcuno l’abbia trovato e ospitato in casa propria. Purtroppo il lockdown imposto dalla situazione sanitaria ci impedisce di andare a cercarlo personalmente».
La fuga Pino è avvenuta lo scorso 27 ottobre in un momento in cui si trovava senza guinzaglio: in un batter d’occhi si è allontanato dal padrone ed è sparito. Cosa sia successo non è chiaro, solo delle ipotesi: «Io credo – continua Lorenzo – che abbia sentito qualcosa, magari un animale e si sia lanciato all’inseguimento. Pino era abituato a girare senza guinzaglio da sempre. Eravamo mio fratello ed io, Pino e un altro cane che è mancato una settimana dopo la sua scomparsa».
Alla tragedia della perdita del setter, si aggiunge quindi per la famiglia questo altro dolore. Ma dove potrebbe essere andato? «Il giorno dopo abbiamo ricevuto una chiamata che segnalava un avvistamento in località Foppa di Maggio-Cremeno, che risaliva a poco dopo la scomparsa, poi più niente. Il nostro Pino è dolcissimo: ha cinque anni e mezzo e lo abbiamo adottato tre anni fa dopo un brutto incidente che poteva paralizzarlo per il resto della vita. Il cane, non più utilizzabile per la caccia, ci era stato ceduto dal precedente proprietario. Chiediamo a chiunque dovesse vederlo di condurlo dal veterinario per la verifica del microchip».
Al momento della fuga Pino aveva indosso un collare di colore blu con medaglietta di riconoscimento e una pettorina arancione. «Dalla cima – specifica Lorenzo – è sceso verso valle a 400 metri secondo la segnalazione, in una zona dove ci sono delle baite. Da lì in teoria potrebbe essere arrivato anche molto lontano, verso la Val Taleggio e la bergamasca. Abbiamo cercato, chiesto a tantissime persone e pubblicato l’annuncio ovunque: potrebbe aver incontrato qualcuno. Adesso non possiamo nemmeno uscire per tentare di ritrovarlo: per favore, la sua famiglia lo aspetta con ansia, aiutateci a riportarlo a casa!».
In caso di avvistamento è possibile contattare i familiari al numero 3386460773.
A.I.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco