Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.672.103
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 28 novembre 2020 alle 08:59

Valgreghentino: altre 'unità abitative' tra le vie Milani e Pra Maggiore, adottato il piano

Si è aperta con un minuto di silenzio in ricordo di Beatrice e Ugo - i due giovani venuti prematuramente a mancare a distanza di poche settimane in un novembre decisamente funesto per il piccolo paese alle porte di Olginate - la seduta del Consiglio Comunale di Valgreghentino tenutasi in Municipio, nella serata di venerdì. Con riferimento proprio a quanto accaduto in via Fermi nelle prime ore di mercoledì mattina, l'assessore Stefania Todeschini ha subito assicurato - in risposta a una richiesta in merito della capogruppo di minoranza Anna Clara Bassani, insegnante alla Scuola Primaria - che è stato attivato un servizio di supporto psicologico per i bambini e i volontari del Piedibus trovatisi per caso ad assistere all'incidente che ha avuto come vittima il giovane giardiniere Ugo Gilardi, la cui scomparsa ha gettato nel dolore più profondo un'intera comunità già scossa per il precedente lutto e, in generale, per le difficoltà di questo 2020.

Archiviata questa triste parentesi, la prima parte della serata è stata tutta dedicata al PGT, e in particolare al piano attuativo "Area di trasformazione n° 5 via Pra' Maggiore - via don Milani" costituente variante al PGT, la cui adozione rappresenta "il parziale punto di arrivo di un lungo percorso iniziato nel marzo 2019".
"Siamo arrivati fin qui dopo aver lavorato per andare incontro tanto alle esigenze dei proprietari del piano - che essendo già "urbanizzato" non prevede ulteriore consumo di suolo - quanto alle richieste della sovrintendenza e della nostra Amministrazione, che ha imposto alcuni "paletti" specifici per partire con l'adozione" ha precisato l'assessore Barbara Fumagalli. Grazie a questo iter, sul lotto di terreno in questione saranno edificate una dozzina di unità abitative destinate a giovani famiglie del paese: alle estremità dell'area - con doppio accesso da via Pra' Maggiore e via don Milani - saranno poi realizzati 35 posteggi ad uso pubblico in aggiunta a quelli riservati ai "nuovi" residenti, con l'ulteriore possibilità di ampliare il vicino parcheggio dell'ufficio postale grazie alla monetizzazione implicata nel piano, "livellato in più punti verso le richieste dell'Amministrazione, nel rispetto del PGT vigente e nell'ottica di ottenere vantaggi per l'intera collettività".

"I nuovi edifici, che potrebbero essere costruiti anche in diversi momenti, dovranno avere caratteri "estetici" e strutturali comuni" ha spiegato il sindaco Matteo Colombo. "Oltre a uno "spazio filtro" con filari verdi preteso dalla sovrintendenza, nel comparto sarà realizzato anche un impianto di illuminazione pubblica e saranno posizionate alcune colonnine per la ricarica delle auto elettriche, mentre fra le opere a scomputo oneri è previsto l'allargamento di entrambe le vie Pra' Maggiore e don Milani. Entro quattro anni il Comune dovrà incassare complessivamente 200.000 euro, che i proprietari del piano dovranno versare anche qualora non iniziassero i lavori di costruzione previsti, per cui è stata stipulata una convenzione settennale vincolante: in questo modo si è cercato di sollecitare la realizzazione degli interventi in tempi brevi, anche se l'intenzione dei possidenti sembra davvero essere quella di partire il prima possibile, dopo anni di attesa (e di pagamento dell'IMU sui terreni). Preciso che sono a carico loro anche i necessari lavori sui sottoservizi".
"Siamo contenti di questo risultato, frutto di una vera negoziazione tra le parti in causa" ha concluso il primo cittadino. "I benefici per la comunità saranno molteplici, ed è molto positivo il fatto di assicurare a diverse giovani coppie di Valgreghentino la possibilità di restare a vivere in paese e di costruire qui il proprio futuro".
Con l'adozione votata all'unanimità dei presenti in aula, il percorso prevede ora 30 giorni di deposito del piano attuativo e un periodo di tempo altrettanto lungo per la presentazione - da parte di cittadini ed enti esterni - di eventuali osservazioni al proposito: dopodiché si tornerà in Consiglio Comunale per l'approvazione, con l'auspicio di dare il via ai lavori programmati già nei primi mesi del prossimo anno.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco