Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.297.364
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 28/02/2021
Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Venerdì 11 dicembre 2020 alle 08:56

PAROLE CHE PARLANO/3


Cosa preferite per Natale: doni, presenti, regali, pensieri, omaggi o strenne?

diddscalia
Verrebbe voglia di rispondere: tutto!
Natale è tempo di festa, ovviamente per la nascita di Gesù. Ma perché ci scambiamo regali? Pare che sia una tradizione risalente al Medioevo, quando in diversi paesi europei si facevano piccoli regali ai bambini, perché la venuta di Gesù fosse associata a un momento di gioia. Tuttavia la parola regalo è stata introdotta solo nel 1543 dalla Spagna (regalar= fare doni), quindi non era di certo questa a essere utilizzata all'inizio della tradizione.
Anche pacchetto (dal francese paquet) e pacco (dall'olandese pak) risalgono al Cinquecento.
Omaggio (dal francese antico omage, oggi hommage) ha assunto il significato di dono addirittura nel XVIII secolo. Però possiamo essere certi che nel medioevo si usasse il vocabolo dono che ha la stessa radice latina di dare. Quindi senza dubbio gli adulti davano e donavano ai loro bambini.
Ma il termine che ciascuno di noi associa immediatamente alle feste natalizie è strenna. Deriva dal latino strena e cioè presagio, augurio. Si racconta che il primo dell'anno i Sabini regalavano al loro re alcuni ramoscelli recisi nel bosco sacro dedicato a Strenua, dea della forza (da cui derivano anche strenuo e strenuamente). Questa parola passò direttamente ai Romani dove divenne il dono augurale dei giorni di festa, soprattutto rivolto alle persone importanti.
Quindi, anche per questo particolarissimo Natale, scambiamoci senza imbarazzo doni, regali, omaggi, pacchi, pacchetti e strenne: l'importante è... il pensiero.
Articoli correlati:
04.12.2020 - PAROLE CHE PARLANO/2
27.11.2020 - PAROLE CHE PARLANO: la nuova rubrica del venerdì a cura dello scrittore lecchese Dino Ticli
Rubrica a cura di Dino Ticli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco