Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 158.989.731
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 11 dicembre 2020 alle 18:41

Olginate: accusato di truffa si  'salva' risarcendo il gommista

Non c'è stato bisogno di sentire la madre dell'imputato, per cui era stato disposto nella scorsa udienza l'accompagnamento coattivo: la persona offesa ha rimesso la querela per truffa a fronte di un risarcimento di 1.800 euro.
Si era anche costituito parte civile il gommista di Olginate che nel 2014 si era visto pagare un cambio gomme con un assegno non trasferibile da parte di C.T., 42enne di Cassago Brianza poi finito a processo con l'accusa di truffa e falso.
Essendo il reato di truffa procedibile solo su querela, la rinuncia del titolare dell'officina ha comportato la sentenza di non doversi procedere da parte del giudice Maria Chiara Arrighi.
Per quanto riguarda il secondo capo di imputazione, invece, Pubblica Accusa, difesa e parte civile si sono trovati concordi sulla richiesta di assoluzione – accolta in sentenza dal giudice - per l'odierno imputato in quanto il falso in assegno bancario non trasferibile sarebbe da considerarsi illecito civile.
F.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco