Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 118.638.577
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Sabato 12 dicembre 2020 alle 14:11

SCAFFALE LECCHESE/25: la storia della città nelle immagini dell'architetto Cereghini

Era una maniera di indicare un percorso storico per la nostra città, seguendo tracce più artistiche che politiche. Scelta forse inevitabile, se l'autore è per professione architetto di spessore e fama, ma anche, per passione, pittore talentuoso: Mario Cereghini, nato nel 1903 e morto nel 1966. Fu l'architetto che progettò, tanto per citare un paio di opere locali, il palazzo di giustizia di Lecco e la geniale chiesa degli alpini ai Piani delle Betulle sopra Margno.

Il "percorso storico" è il libro "Immagini di Lecco nei secoli" pubblicato nel 1965 con l'editore milanese Signorelli e ristampato poi nel 1971 con la casa editrice lecchese Stefanoni, pur mantenendo la medesima veste grafica fin dalla copertina. Volume ormai di oltre mezzo secolo fa e per certi versi superato, oltre duecento pagine di fotografie in bianco e nero a dare un fascino quasi retrò, ma volume che si sfoglia ancora con piacere e interesse.

L'architetto Mario Cereghini davanti alla chiesa delle Betulle

Nel presentarlo, lo stesso Cereghini rilevava come ancora non fosse stata pubblicata una vera storia di Lecco. Ne addebitava la mancanza - in maniera, va detto, un po' superficiale - ad archivi pubblici insufficienti o addirittura assenti: «Nel susseguirsi delle padronanze spagnole francesi e austriache - scriveva - o si fecero falò o si portò via il materiale basilare e se qualcosa è rimasto negli archivi delle parrocchie è difficile andarlo a scovare. Se per il passato pochissimi furono gli appassionati annotatori di vicende parrocchiane oggi la maggior parte de' preti ha per il capo le vicende politiche o... l'automobile. Salvo eccezioni. E allora, come si potrà scoprire l'ubicazione della più antica Lecco e chi furono i suoi primissimi abitatori? Chi ci dirà com'era il borgo medievale? Chi rintraccerà l'appellativo della prima industria ai bordi della Fiumicella? Quesiti probabilmente insolubili, come centinaia d'altri. Eppure la nostra terra piacque nei secoli a molta gente e fu aspramente contesa»
Quanto avvenuto negli anni e nei decenni seguenti depone diversamente: molto del nostro passato è stato messo a fuoco, a quei quesiti è stata data riposta. E' pur vero che «una vera storia di Lecco» sia rimasta ancora a lungo senza compilatore: lacuna colmata soltanto negli ultimi recentissimi anni (avremo modo di parlarne).

Un omett di via Bovara

«Scopo principale della nostra raccolta - scriveva l'architetto nel 1965 - è quello di riesumare alcune testimonianze tuttora reperibili e che disposte in un certo ordine riescano a costituire una specie di racconto locale» dalle origini fino alla Seconda guerra mondiale: «il periodo di poi denso di sviluppo porterà alla ribalta problemi avvenimenti e personaggi che pur avendo per sfondo lo stesso scenario, appartengono a un mondo più dinamico ma teso verso forme d'arte e di pensiero antitetiche».
Si comincia quindi dall'aspetto geografico: «I veri protagonisti del nostro paesaggio urbano sono le montagne e il lago: all'uomo primitivo questa vasta conca circondata da monti strani e così diversi l'uno dall'altro deve essere apparsa come un incanto». Poi, il viaggio prosegue lungo il corso del tempo, destreggiandosi tra storia e leggenda, con lo sguardo rivolto a reperti conservati nei palazzi, nelle strade o nei musei, ma anche quadri che raffigurano un presente o un passato: per la leggenda del Barro, per esempio, l'immagine scelta è un quadro del 1932 di Orlando Sora.

Orlando Sora, leggenda del Barro 1932

Tra le testimonianze archeologiche c'è invece l'ultima (l'unica?) fotografia di ruderi del castello del colle di Santo Stefano, indicato come il nucleo originario della città: un troncone di torre sopra un poggio ancora non avvolto dalla vegetazione e nemmeno lacerato dal vallone paramassi a protezione dalle frane del monte San Martino.
La guida ci conduce lungo il Medioevo: i vecchi muri a secco, le bifore di San Nicolò, Azzone Visconti con il serpente di famiglia, il borgo murato, il castello, la torre.

Colle di Santo Stefano

Ci fa rilevare le "impronte rinascimentali" nella canonica di San Nicolò, nella chiesetta di San Giovanni Battista a Chiuso (con gli affreschi ancora attribuiti a Giovan Pietro da Cemmo), nello straordinario soffitto della casa Frigerio in via Mascari a Lecco (allora esistente e oggi andato sciaguratamente perduto, come ricorda spesso con indignazione Gianfranco Scotti).
In questa sede, non seguiremo pedissequamente l'itinerario indicato da Cereghini, lasciando che sia il lettore a fare tappa dove l'autore indica e a soffermarsi sulle singole opere, alcune delle quali appartenenti a collezioni private che a volte conservano anche affreschi "dispersi", come un Redentore proveniente dall'ex convento di San Giacomo a Castello, e altre collocate nelle nostre chiese senza che ci si faccia caso: i polittici di Bernardino Luini e Gaudenzio Ferrari a Maggianico o la Natività di Palma il Vecchio ad Acquate .

Alberto d'Italia sul lungolago nel 1856

Il "percorso procede per secoli, facendoci incontrare il Medeghino e Leonardo, consultare la cartografia cinquecentesca o indagare le origini dell'industria, mentre un capitolo intero è dedicato alla casa di Alessandro Manzoni al Caleotto e un altro ha per titolo "Su e giù per via Bovara e altri luoghi": una passeggiata tra portoni, balconcini, statue e i celeberrimi e simpatici "umett". Passando per l'Ottocento con il borgo che diventa finalmente città, si approda infine infine al Novecento rappresentato dal campanile di San Nicolò completato nel 1902, da una Pescarenico dipinta nel 1904 ed esposta a Venezia, dal monumento ai Caduti sul lungolago, dalle statue di Antonio Stoppani e di Mario Cermenati, dai paesaggi di Ugo Bernasconi, Raffaele De Grada e Umberto Lilloni.

Lo scomparso soffitto di via Mascari

La conclusione potrebbe apparire immodesta visto che Cereghini si autocita, trascurando colleghi suoi contemporanei che magari un piccolo tributo avrebbero meritato e dedicando le ultime immagini del volume a proprie opere. A cominciare dal piano regolatore del centro cittadino redatto nel 1937, quello che prevedeva i famosi edifici a gradoni, progetto ambizioso, controverso e travagliato: Cereghini l'aveva presentato d'accordo con il podestà Dino Cima, ma ci fu la fronda degli altri architetti e ingegneri che chiedevano un regolare concorso. Finì che non se ne fece niente (venne realizzata la sola piazza degli Affari) e ancora oggi si dibatte se si trattò di un'altra grande occasione persa per la nostra città o non invece di uno scongiurato sventramento del centro storico

Progetto piano regolatore 1937

.
Segue la chiesa degli istituti Airoldi-Muzzi che Cereghini progettò nel 1937 ed Ennio Morlotti affrescò nel 1939 con la processione a cui partecipano personaggi illustri della Lecco d'allora: «Quest'opera piuttosto realistica - l'annotazione di Cereghini - suscitava non pochi commenti».
Chiude il trittico, proprio il palazzo di giustizia. A riportarci ai giorni nostri, quando la struttura attende interventi di ristrutturazione dopo anni caratterizzati da polemiche politiche e vicissitudini burocratiche: la costante di qualsiasi opera pubblica in cantiere nel nostro Paese.
Dario Cercek
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco