Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.181.141
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 28/02/2021
Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Mercoledì 30 dicembre 2020 alle 12:30

In viaggio a tempo indeterminato/159: è quasi andato

È quasi andato. Poche ore e si saluta il 2020.
Un anno che è partito a razzo, ma poi è finito a ***.
Un anno davvero strano per tutti e che probabilmente non mancherà a nessuno.
La realtà è che per qualcuno il 2020 finirà prima che per altri.
I primissimi a dare il benvenuto al 2021 saranno gli abitanti dell'isola di Kiritimati, il più grande atollo corallino del mondo. Quando si dice piovere sul bagnato. Non solo sono fortunati perché vivono in un paradiso terrestre ma saranno anche i primi a lasciarsi alle spalle un anno come questo.
Dopo di loro toccherá alla Nuova Zelanda seguita dal Polo Sud dove non credo saranno in molti a festeggiare con spumante e cotecchino.
Quando in Italia saranno le 16:00 del 31 Dicembre toccherà ai giapponesi stappare sake e ingozzarsi di sushi e ramen.



La mezzanotte arriverà anche in Cina, anche se il capodanno cinese verrà festeggiato molto più in là, il 12 Febbraio 2021, quando inizierà l'anno del Bufalo.
E poi via via tutti i vari Paesi da est verso ovest, fino ad arrivare all'Italia.
È vero, non sarà un capodanno come gli altri. Niente feste in piazza o grandi cenoni ma siamo sicuri che quest'anno in molti saranno felici dello scoccare della mezzanotte.
Per noi il nuovo anno inizierà quando in Italia saranno già le otto del mattino.
Qualcuno starà ancora dormendo per riprendersi da tutti i brindisi, qualcuno non sarà ancora andato a letto e altri invece saranno già svegli a fare colazione quando noi staremo bevendo tequila per festeggiare.
Esatto, tequila, perché nel frattempo siamo tornati in Messico!
Si dice che chi fa qualcosa a Capodanno poi lo farà per tutto l'anno e per noi il detto si è avverato.
L'anno scorso eravamo in Messico a capodanno e lo siamo stati per quasi tutto l'anno.
A salvarci solo la piccola e meravigliosa parentesi americana che purtroppo, causa visto, è terminata troppo in fretta.

VIDEO

https://youtu.be/aAl3EFSw428

È questa l'ultima grande notizia: siamo in Messico, ma questa volta a bordo della nostra fiammante macchina rossa, Carmencita.
Proveremo a portarla verso il Sud America sperando che questa volta il detto si trasformi in "chi viaggia con Carmencita a capodanno, ci viaggia tutto l'anno!" e si avveri anche nel 2021.
Tirando le somme dell'anno che sta per finire, però, abbiamo trovato molte cose positive tra quelle che ci sono successe.
Ci sembra giusto ripercorrerle rapidamente in questo ultimo articolo del 2020.
L'anno per noi è iniziando avistando le balene nell'oceano e mangiando tortillas a colazione, pranzo e cena.
Poi ci siamo persi in un carnevale assurdo dove le persone parlavano una lingua incomprensibile, prendevano a bastonate chiunque osasse fare foto, rincorrevano dei tori e toccavano il sedere a una povera turista italiana che cercava di spostarsi in mezzo a quella folla urlante.
Il 2020 è stato anche l'anno dove ci siamo tuffati nelle acque azzurre e gelide delle cascate e in quelle calde e cristalline del Mar dei Caraibi.

L'anno in cui Paolo ha potuto dare sfogo al suo spagnolo fatto di parole a caso e di risate quando nessuno capisce di cosa si stia parlando.
L'anno in cui il nostro contatto con il mondo esterno era un pulcioso cane bianco di strada dal muso simpatico.
L'anno in cui abbiamo dato al nostro viaggio un vestito nuovo, rosso, fiammante e con 4 ruote.
L'anno in cui ci siamo resi conto che gli americani hanno tutto grosso, dai supermercati ai parchi nazionali.
L'anno delle mascherine con i cactus stampati indossate camminando nel deserto.



L'anno in cui stare tutti distanti in un certo senso ci ha reso più vicini.
L'anno in cui abbiamo conosciuto nuovi amici e tra una videochiamata e l'altra abbiamo riacceso vecchi legami.
L'anno che ci ha urlato in faccia quali sono le cose davvero importanti anche se forse poteva scegliere un modo più carino per farlo.
Poche ore e inizia un nuovo anno.
E noi auguriamo a tutti un 2021 pieno di sogni tolti dal cassetto e finalmente realizzati.

PS: Mi raccomando fai qualcosa di molto bello a capodanno perché poi rischi di farlo tutto l'anno!
Articoli correlati:
16.12.2017 - IN VIAGGIO A TEMPO INDETERMINATO
Angela e Paolo
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco