Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.629.974
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Lunedì 04 gennaio 2021 alle 18:14

Non solo Iolanda Pensa, Wikipedia 'parla lecchese' anche con Marta Pigazzini e Paolo Mauri

Marta Pigazzini
Sotto Paolo Mauri (foto: https://www.wikimedia.it)

Un’impronta lecchese nel direttivo di Wikimedia Italia, l’associazione che è specchio della comunità italiana che sostiene il progetto di Wikipedia, l’enciclopedia “aperta” di internet, l’avanguardia di un movimento che si batte per la conoscenza libera.
Di origini lecchesi è la nuova presidente Iolanda Pensa, 45 anni, ora residente a Milano e ricercatrice universitaria in Svizzera, ma cresciuta a Dervio e discendente della storica famiglia Pensa di Esino. Resterà in carica due anni.
Non solo, però. Lecchesi sono anche la tesoriere e il segretario.
Tesoriere è Marta Pigazzini, nata 27 anni fa Lecco e cresciuta in diverse località della provincia (ora è «momentaneamente» a Mandello), laurea in fisica e cofondatrice di una startup nel settore dell’illuminazione,  si è avvicinata all’associazione nel giugno 2016 in occasione del raduno mondiale di Wikimania svoltosi a Esino. Si occupa in particolare di Wiki Loves Monuments , un concorso fotografico mondiale partito soprattutto per pubblicare le foto su Wikipedia ma che è diventato un’occasione per valorizzare e far conoscere il patrimonio monumentale di ciascuna comunità. Nel nostro Paese, il concorso assume un’importanza particolare: da un lato, naturalmente, per il grande patrimonio esistente e dall’altro per  l’esistenza di una legge secondo cui un monumento o un edificio pubblico non potrebbero essere pubblicati senza il nullaosta dello Stato che, volendo, potrebbe richiedere un corrispettivo per lo sfruttamento dell’immagine. Il concorso fotografico mira dunque a essere uno sprone a modificare la legge, consentendo quindi la libera fruizione delle immagini senza violare le norme. Da tre anni, Pigazzini collabora a declinare a livello locale il concorso con il Wiki Loves Monumento Lake Como, «occasione per far scoprire posti sconosciuti ai più, coinvolgendo i fotografi locali e avviando partenrhisp con enti locali: a Lezzeno, per esempio, è stato effettuato un inventario di monumenti, per inserire la località in Wikivoyage».
Segretario è invece Paolo Mauri, cinquantenne di Lecco città, nel direttivo di Wikipedia dal giugno dello scorso anno, con il precedente presidente Matteo Ruffoni. Docente di sostegno nella scuola primaria, lavora a Bosisio Parini e alla scuola Polo dell’inclusione di Cernusco Lombardone. Convinto sostenitore del software libero, ha avvicinato Wikimedia quattro o cinque anni fa , dopo esserne stato un semplice utente come tutti, proprio perché il concetto di conoscenza libera fa parte della stessa filosofia. E proprio con Ruffoni ha avviato un progetto per inserire sempre di più a scuola gli strumenti forniti da Wikimedia. Non soltanto Wikipedia «ma anche, per esempio, Vikidia, un’enciclopedia per bambini e ragazzi dagli 8 ai 13 anni: si tratta di un progetto francese ancora ai primi passi, tutto da costruire».
Per completezza di cronaca, gli altri membri del direttivo, eletto lo scorso mese di dicembre, sono Stefano Dal Bo di Milano e Lucia Marsicano di Roma.
Inutile dire che sui tratta per tutti, dal presidente agli altri membri del direttivo, di puro volontariato.
D.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco