Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.605.382
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 05 gennaio 2021 alle 14:34

Abbadia: ladro di bici riconosciuto dagli 'specialisti' della PL di Milano

Ad incastrarlo l'occhio attento degli operatori del nucleo biciclette rubate della Polizia Locale di Milano. Sarebbero stati infatti proprio i ghisa meneghini a riconoscere in un fotogramma inviato loro dalla comandante dei vigili di Abbadia Bruna Callone, Ermes B. quale autore di un furto commesso sul Lario il 16 giugno 2018. A raccontare l'accaduto, al processo a carico dell'uomo, classe 1953, con casa a Sesto San Giovanni e precedenti specifici a carico, è stata questa mattina la stessa numero uno della PL di Abbadia. Al cospetto del giudice monocratico Giulia Barazzetta, la divisa ha riferito di aver ricevuto la denuncia di furto da parte di una donna che, lasciata la propria due ruote in stazione, non l'avrebbe poi ritrovata, pur avendola “lucchettata”. Da qui la visione dei filmati di videosorveglianza che hanno permesso di focalizzare l'attenzione su di un soggetto – capelli bianchi di media lunghezza, pantaloncini corti e maglietta con un teschio – ripreso mentre “armeggiava” intorno alla bici, allontanandosi poi con la stessa. Pur nitide le immagini non hanno portato subito all'identificazione del soggetto. La comandante ha infatti riferito di non aver riconosciuto l'uomo, chiedendo così al PM la possibilità di diffondere i fotogrammi agli altri comandanti della Lombardia, attraverso un sistema messo a disposizione dalla Regione. Ottenuto il via libera, ecco la risposta del referente del nucleo biciclette rubate di Milano che avrebbe associato l'uomo immortalato dalla telecamere della stazione di Abbadia a Ermes B., già denunciato nel mese di aprile per la stessa ragione da dei suoi colleghi. Il sestese è così finito a giudizio rappresentato dall'avvocato Silvia Pirovano che proverà a rintracciare gli agenti della PL meneghina per avere un riscontro su come l'immagine trasmessa loro dalla comandante Callone sia stata ricondotta al suo assistito. Si torna in aula per la chiusura del fascicolo il prossimo 15 giugno.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco