Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 109.428.558
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Martedì 12 gennaio 2021 alle 18:36

Rancio: è mancato padre Mario Meda, missionario che avviò il 'sostegno a distanza'

Padre Mario Meda
Non era di certo una celebrità. Eppure il mondo della solidarietà in Italia gli deve molto: padre Mario Meda mancato a 93 anni l'8 gennaio nella casa dei missionari anziani a Rancio di Lecco aveva 'inventato' il sostegno a distanza, l’iniziativa di solidarietà che da tanti anni il PIME promuove in favore dei bambini, ma anche dei giovani, dei disabili e dei seminaristi, nelle sue missioni in tutto il mondo.
Era stato infatti proprio padre Meda dalla Birmania, dove era missionario, a lanciare nel 1958 l’idea allora del tutto inedita, di affidare a una famiglia di benefattori lontani l’aiuto di un singolo bambino in un Paese straniero, con una sorta di «adozione» appunto a distanza. Padre Mario – nato a Desio (Mi) nel 1927, ordinato sacerdote dal cardinale Schuster nel 1954 – era arrivato a Kengtung quell'anno, nell'attuale Myanmar. Le prime famiglie coinvolte nel progetto  inizialmente furono americane, attraverso il Centro missionario PIME di Detroit. Quando poi nel 1966 – come tutti gli altri missionari del PIME – dovette subire la sorte amara dell’esilio imposto dal governo dei militari a tutti i religiosi stranieri entrati nel Paese dopo l’indipendenza, l’idea del sostegno a distanza andò avanti dal nuovo Centro di animazione missionaria che nel frattempo il PIME aveva aperto a Milano e a cui padre Meda venne inviato.
In forma strutturata partì dunque nel 1969 e fece da apripista in Italia a tanti altri enti e associazioni che ancora oggi adottano questa forma estremamente popolare di aiuto allo sviluppo. In un’epoca in cui non esistevano gli strumenti informatici di oggi per gestire i database, da Milano padre Meda insieme al confratello padre Mauro Mezzadonna (anche lui scomparso due anni fa) arrivarono con le loro schedine cartacee a mettere in relazione anche 17.000 donatori con una bambina o un bambino segnalato dalle missioni del PIME di tutto il mondo. «Adozioni d’amore a distanza» le chiamavano allora. Ed è un impegno per il quale nel 2004 padre Mario Meda fu anche ufficialmente insignito del’Ambrogino d’Oro, la massima onorificenza a MIlano, che gli fu consegnata dall’allora sindaco Gabriele Albertini. E la sua esprienza concreta di fraternità al Centro missionario PIME continua tuttora.
I funerali si sono tenuti in forma privata con quelli di padre Bruno Mascarin sabato 9 gennaio nella Casa del Pime di Rancio. Le spoglie riposano nel cimitero del Pime a Villa Grugana a Merate.


Dalla rivista del PIME "Mondo e Missione" (2010), un episodio che fa capire la testimonianza che lascia Padre Meda, animato sempre dall'amore per Cristo.

Il 23 Aprile 1977 Madre Teresa parlò allo Stadio di "San Siro" a MIlano, strapieno di giovani, alla presenza di tutti i Vescovi della Lombardia, sul tema della vita e dell'aborto. Era una delle grandi Manifestazioni organizzate da Padre Giacomo Girardi (1930-1998), allora "Direttore" del Centr Missionario PIME. Padre Mario Meda Missionario del PIME in Birmania, accompagnò allo Stadio la Madre nella sua "utilitaria" (la "Fiat 600"). La Madre gli chiede dov'è stato in Missione, poi aggiunge: «Lei quante ore prega al giorno?». Padre Mario le risponde: «Pensavo lei mi chiedesse se aiuto i poveri!». La Madre ribatte: «No, perché se non preghiamo molto non siamo uniti a Dio, e se non siamo uniti a Dio non possiamo aiutare i poveri, i quali hanno fame di pane, ma soprattutto hanno fame di Dio!». Padre Mario ricorda ancora commosso quel piccolo incontro con la grande Santa di Calcutta... non è possibile essere fratelli dei poveri se non torniamo a Dio, a Gesù Cristo.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco