Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 113.858.107
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 23/02/2021
Merate: 80 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 50 µg/mc
Valmadrera: 71 µg/mc
Scritto Mercoledì 20 gennaio 2021 alle 09:34

Lecco: è mancato Cesare Maestri, il 'ragno delle Dolomiti'

Si è spento all’età di 91 anni, nel nativo Trentino, Cesare Maestri, il “ragno” delle Dolomiti, grande amico dei Ragni lecchesi della Grignetta. Maestri è stato più volte a Lecco, partecipando al grande raduno del giugno 1966, che festeggiava il ventennale dei rocciatori con il maglione rosso, nati ai Piani Resinelli, all’ombra della Grignetta, avendo come primo presidente il prestigioso Riccardo Cassin. Alle celebrazioni  del ventennale la guida dei Ragni era affidata a Dino Piazza.
Le manifestazioni si svolsero nei giorni tra il 3 ed il 5 giugno 1966 con il sostegno del’Azienda Turismo, presieduta da Giacomo De Santis. Nel programma intenso dei tre giorni, che portò a Lecco il Gotha dell’alpinismo internazionale vi fu anche una tavola rotonda sul futuro dell’alpinismo che vide la partecipazione di Cesare Maestri. Il rocciatore trentino, che risiedeva a Madonna di Campiglio, era in quel periodo particolarmente conosciuto per le sue salite in solitaria e per la via Egger-Maestri, sulla parete nord del Cerro Torre.


Maestri era già stato a Lecco in diverse occasioni, in particolare nel 1962, quando tenne presso il cinema teatro Impero di via San Nicolò una conferenza sulle sue maggiori imprese. E’ stato guida alpina, maestro di sci, ha collaborato con numerose testate giornalistiche ed è stato autore di diversi libri autobiografici. Nella sua lunghissima carriera alpinistica si è calcolato che abbia compiuto circa 3500 salite, delle quali circa un terzo in solitaria. Aveva iniziato nel 1952 con le salite lungo la via Dibona, al Croz dell’Altissimo; la via Comici al salame del Sasso Lungo; la via Solleder al Civetta.
 Alla tavola rotonda con Cesare Maestri avevano partecipato il presidente nazionale del CAI ministro Virginio Bertinelli, il presidente del CAI Lecco Dino Maroni, il capo gruppo dei Ragni Dino Piazza e Riccardo Cassin. Il dibattito venne coordinato da Ugo Di Vallepiana, esperto di montagna. Erano presenti alpinisti stranieri di fama provenienti da diverse nazioni europee e le rappresentanze dei più noti sodalizi di guide alpine e di rocciatori: dagli Scoiattoli di Cortina alle guide del monte Bianco. La RAI TV dedicò alle celebrazioni del ventennale dei Ragni speciali servizi, inviando a Lecco una troupe con diversi automezzi e con una ventina fra telecronisti e tecnici.
Cesare Maestri ha ottenuto molti, importanti riconoscimenti per la sua attività alpinistica. Il libro “2000 metri della nostra vita”, scritto con la consorte Fernanda Dorigatti, ha vinto il premio Bancarella Sport nel 1973. Maestri si è sempre battuto per il rispetto dell’ambiente, per l’educazione alpina ed ambientale dei giovani, per un turismo nel rispetto ecologico.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco