Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.668.609
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Giovedì 21 gennaio 2021 alle 14:36

Un appello da Agesc Lecco per la didattica in presenza



Jessica Locatelli, Presidente – AGeSC comitato provinciale Lecco

Un appello affinchè terminato il periodo di zona rossa tutti gli studenti delle secondarie possano ritornare a vivere la scuola in presenza. A lanciarlo sono le associazioni dei genitori delle scuole lombarde (pubbliche statali e pubbliche paritarie - AGeSC Lombardia e AGe Lombardia) che hanno deciso di chiedere la collaborazione di tutti affinchè la richiesta con le motivazioni per questo rientro senza più rinvii sia sottoscritto dal maggior numero di persone, così da risultare incisivo e voce di una comunità numerosa.
A Scuola in Presenza

Al Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana
All’Assessore all’Istruzione della Regione Lombardia Fabrizio Sala
Al Direttore Generale USR Lombardia Augusta Celada

- Prendiamo atto dell'ennesimo stop alla riapertura delle scuole secondarie di 2 grado, prima deciso a livello nazionale fino al 10 gennaio, poi da Regione Lombardia fino al 24 gennaio ed ora confermato dall’inserimento della Regione Lombardia in zona rossa fino al 31 gennaio, che coinvolge anche le classi 2 e 3 secondaria di 1 grado.
- E’ grave la preoccupazione riguardo agli alunni per tutte le conseguenze già note e ancor più per quelle che si manifesteranno in futuro: sono allarmanti i rischi di dispersione scolastica e le ripercussioni sulla salute psicofisica degli adolescenti che sono stati privati della scuola in presenza e, contestualmente, di tutte le attività sociali e sportive.
- Pensiamo che lo strumento della DAD, se utilizzato in via esclusiva e prolungata, sia un grave danno per i ragazzi, come riconosciuto anche dal Ministro dell’Istruzione, non solo dal punto di vista didattico, ma soprattutto umano ed educativo.
- Riteniamo imprescindibile il valore della scuola in presenza: è solo attraverso un rapporto umano che i ragazzi sono educati in famiglia e a scuola e possono diventare adulti in grado di affrontare le sfide del mondo. Non possiamo privare i nostri ragazzi di un fondamentale ambito di crescita: la scuola è un bene essenziale!
- Siamo fiduciosi che la Regione Lombardia e USR Lombardia, unitamente alle Prefetture della Lombardia stiano lavorando assiduamente al fine del ritorno a scuola in presenza, con piani per la scuola e per i trasporti;
- Le Associazioni dei Genitori della Scuola della Lombardia chiedono un immediato confronto sulla riapertura delle scuole, rendendosi disponibili a sensibilizzare genitori e ragazzi su tematiche relative alla ripresa in sicurezza della scuola;

CHIEDIAMO
che al termine del periodo di zona rossa, gli studenti delle scuole secondarie possano tempestivamente tornare a SCUOLA IN PRESENZA senza ulteriori rinvii, per il bene dei ragazzi e per il bene comune.

Le associazioni di genitori della Lombardia:
AGeSC - Lombardia (Associazione Genitori Scuole Cattoliche)
AGE - Lombardia (Associazione Italiana Genitori)
e tutti i genitori firmatari delle scuole pubbliche, statali e paritarie

Per aderire, CLICCA QUI.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco