• Sei il visitatore n° 164.832.080
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 27 gennaio 2021 alle 19:19

Valmadrera: consegnate le medaglie d’onore ai parenti di 21 internati nei lager tedeschi

In occasione della Giornata della Memoria, oggi pomeriggio a Valmadrera sono state consegnate le medaglie d’onore ai parenti di 21 uomini nativi del paese che furono internati nei campi di concentramento tedeschi, militari italiani che vennero deportati dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, quando decisero con grande coraggio di non aderire alla Repubblica sociale italiana.




La cerimonia, a causa della situazione sanitaria, non si è potuta svolgere con la presenza del pubblico, ma solo in forma riservata con gli invitati e le autorità. Presenti il sindaco Antonio Rusconi e il prefetto Castrese de Rosa che, nell’Auditorium del Centro culturale Fatebenefratelli, hanno consegnato le medaglie d’onore coniate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.



Il sindaco Antonio Rusconi e il Prefetto Castrese De Rosa

“Al di là del momento esteriore, penso che questa cerimonia parli al futuro” ha detto il primo cittadino. “È ancora importante fare memoria in questi giorni e ringrazio il Prefetto per la sua presenza così particolare e sentita a questa vicenda e al sentimento dei valmadreresi. Leggevo in un vecchio articolo che le emozioni si provano mentre i sentimenti si coltivano. Quello della memoria è un sentimento da coltivare”.


La consegna dell'onorificenza per Gino Brusadelli. Sotto, quella per Augusto Banfi


Il Prefetto ha quindi ricordato l’importanza della Giornata della Memoria e ha riportato una parte del messaggio inviato dal Presidente del Consiglio, nel quale Giuseppe Conte ha sottolineato che “l’umanità oggi affronta enormi sfide sanitarie, economiche e sociali, e in questa situazione si sono rinvigorite le teorie complottiste, tra cui quelle che vedono gli ebrei come capri espiatori. L’unico vaccino contro questi fenomeni è promuovere la conoscenza dei fatti storici e mantenere viva la memoria della Shoah, perché chi non conosce il passato è condannato a ripeterlo. La Giornata della Memoria non serve solo a ricordare i milioni di vittime dell’Olocausto, ma anche che ogni giorno ci sono piccole e innumerevoli discriminazioni verso chi è diverso. L’impegno delle istituzioni è perché la memoria rimanga viva nella coscienza degli italiani, contro l’antisemitismo e contro il razzismo”.
I parenti dei 21 valmadreresi internati nei lager nazisti sono quindi stati chiamati, uno a uno, sul palco per ricevere l’onorificenza dalle mani del sindaco e del Prefetto.
Articoli correlati:
25.01.2021 - I profili di 28 internati militari del territorio (22 di Valmadrera) ricostruiti da Nasatti per l'attribuzione delle Medaglie d'onore
25.01.2021 - Per la 'Giornata della Memoria' attribuite a deportati del lecchese 83 Medaglie d'onore
Mi.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco