Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 125.169.949
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/06/2021
Merate: 27 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 25 µg/mc
Lecco: v. Sora: 22 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Mercoledì 03 febbraio 2021 alle 13:13

Legambiente Lecco: conclusa la sessione di 'Pietra su Pietra'

Una nuova sessione di Pietra su Pietra, progetto finanziato dalla Fondazione Comunitaria Lecchese e sostenuto dal Comune di Bellano, si è appena conclusa a cura del circolo Legambiente Lario Sponda Orientale. È ancora Michele a guidare il lavoro con il contributo dei volontari.


Un punto delicato e importante della viabilità pedonale dove la scalotta che sale dal lago al centro storico di Oro si raccorda al Sentiero del Viandante: qui muro, spalletta e gradoni sono stati ricostruiti dopo il crollo.
Negli anni recenti chi ha continuato a costruire con la pietra a secco ha dovuto trovare la forza nelle proprie convinzioni, nella propria consapevolezza, perché il mondo intorno comunicava altre priorità.


Grazie a queste persone la tecnica costruttiva tradizionale non è andata perduta ed è stata riconosciuta come patrimonio mondiale dell’Unesco. Grazie al loro racconto, lungimiranza e disponibilità a 'far vedere come si fa' si stanno formando i nuovi costruttori in pietra a secco e le persone che tornano a comprenderne l'importanza e il  valore per i paesaggi tradizionali e per quelli futuri.


Sopra il muro crollato, e sotto ricostruito


Molti i pregi: modernità per l’uso sostenibile delle risorse, il senso di appartenenza al proprio territorio (e non quello di spaesamento), il valore del lavoro dell’uomo e delle conoscenze locali tradizionali, il desiderio di inserirsi nelle trasformazioni dei luoghi con sensibilità e cura piuttosto che con plateali rotture. Il muro a secco poi è pieno di vita, offre rifugio a molte specie animali e vegetali e anche il cantiere è un luogo vivo di relazioni e scambi di conoscenze tra artigiani e volontari.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco