Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 124.655.289
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/06/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Giovedì 04 febbraio 2021 alle 08:29

Giornata mondiale del cancro. In asst ogni anno 2000 nuovi casi, attivi 40 studi clinici

Il dr. Antonio Ardizzoia
Oggi giovedì 4 febbraio si celebra la 21esima giornata mondiale contro il cancro istituita con la Carta di Parigi del 1999, sottoscritta dal presidente francese Jacques Chirac e dal direttore generale dell'Unesco Kōichirō Matsuura.
Una data importante per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sui malati di tumore, le cause, le cure e le attività di sensibilizzazione che possono essere svolte sul territorio.
Seconda ragione di morte dopo le malattie cardiovascolari, in Italia i tumori sono in aumento ma la sopravvivenza dei pazienti è migliorata grazie alla diagnosi precoce, agli screening, alla prevenzione in genere e alle cure messe in campo (radioterapia, tecniche chirurgiche particolarmente efficaci, nuovi farmaci).
Tutti elementi che per la persona risultano di fondamentale importanza nel percorso di ritorno alla salute e di accettazione della patologia.
"L'obiettivo di questi anni per chi può essere curato è di aumentare il tasso di guarigione e di sopravvivenza nonchè di poter convivere il più a lungo possibile con il cancro" ha spiegato il dottor Antonio Ardizzoia, direttore del dipartimento oncologico dell'Asst di Lecco "abbiamo a disposizione farmaci biologici e farmaci target-oriented che cambiano il decorso della malattia".
In un anno in ASST a Lecco vengono fatte 1500/2000 nuove diagnosi di cancro, con una maggiore frequenza di tumori a mammella, polmone, tratto gastro enterico e prostata. L'età media è superiore ai sessant'anni ma ultimamente si è assistito a una crescita del numero di persone in età giovane, affette da vari tipi di tumore, e di pazienti anziani che vengono curati (cosa che prima non avveniva e questo grazie all'allungarsi della vita).
"Abbiamo gruppi multidisciplinari per la gestione delle neoplasie e la nostra asst lo scorso anno è stata indicata come terzo polo di Lombardia per numero di tumori ovarici trattati, con pazienti giunti anche da fuori regione" ha concluso il dottor Ardizzoia "nonostante la pandemia e tutte le limitazioni ad avere accesso alle strutture ospedaliere, il paziente oncologico ha avuto la massima attenzione e non ci sono state interruzioni".
A Lecco è presente anche una buona attività di ricerca clinica con circa 40 studi attivi che sono un fonte di particolare attrazione per i malati mentre tre sono infine le campagne di screening attive sul territorio: per la mammella, per la cervice uterina e per il colon retto.
S.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco