Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.668.194
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 07 febbraio 2021 alle 23:22

'Partita magistrale' del Lecco: poker contro il Como, il derby è bluceleste

SERIE C GIRONE A
23^ GIORNATA: LECCO – COMO 4-0


Doppio gaudio per il Lecco che batte per la seconda volta consecutiva il Como. Dopo la vittoria per 3-0 all'andata, gli aquilotti concedono il bis in un “Rigamonti-Ceppi” deserto ma avvolto da migliaia di cuori blucelesti.  L'aquila è salita molto in alto per ghermire questo successo, importante per la classifica e prezioso per l'autostima. Superare i lariani reduci da sette vittorie nelle ultime otto gare non era certo facile, ma il Lecco è riuscito a compiere l'impresa attraverso una prestazione da manuale.  
Quella suonata dei blucelesti è stata una sinfonia perfetta. Tutti hanno eseguito lo spartito con grande lucidità ma anche con quel pizzico di fantasia che accende la passione più autentica.    
“Partita magistrale. E' una gioia da condividere con la gente di Lecco  – ha dichiarato a fine gara il direttore generale Angelo Maiolo – Quest'anno il Como ha incassato dal Lecco sette gol in due confronti. Voglio menzionare il tecnico D'Agostino che ha fatto vedere come gioca la squadra. Dedichiamo questo successo al nostro presidente che non è potuto intervenire”.
“Sono onorato di far parte della storia del Lecco, insieme con i ragazzi – ha detto mister D'Agostino – Ho chiesto a tutti sacrificio e la squadra ha corso, raddoppiato, triplicato mettendo in campo un atteggiamento giusto. Il successo ci deve offrire la consapevolezza di essere una buona squadra. Da martedì azzereremo tutto e cominceremo a pensare alla partita di Carrara. Dovremo ripartire con la solita umiltà.  E' stata la più bella notte della carriera di allenatore. Dedico il successo alla meravigliosa città di Lecco, ai  ragazzi e al presidente”.    
In base al risultato del derby, il Como resta ancorato al comando della classifica con 46 punti in coabitazione con il Renate, mentre il Lecco sale al sesto posto a quota 37.
Domenica prossima trasferta a Carrara.  

Cronaca
Mister D'Agostino opta per il modulo 3-4-2-1, affidandosi a giocatori d'esperienza, come Paulo Daniel Azzi che fa il suo esordio dal 1' in maglia bluceleste. L'esterno offensivo brasiliano si piazza sulla fascia sinistra, mentre Celjak va occupare quella opposta.  Al centro della difesa c'è  Malgrati, in luogo dello squalificato Marzorati.
La prima occasione è comasca. Al 5'  Pissardo deve ricorrere a tutta la sua bravura per deviare un rasoterra di Gatto. Il Lecco risponde al 7': corner di Foglia, Facchin pasticcia un po' e sventa in angolo. Al 10' cross di Celjak, incornata di Azzi e palla fuori.  Al 19' gli aquilotti passano in vantaggio. Percussione strepitosa di Cauz che serve Iocolano il quale effettua un cross molto testo che Crescenzi devia nella propria porta nel tentativo di anticipare Capogna. Al 22' ancora insidiosi i blucelesti con Cauz che non raccoglie di testa. La manovra del Lecco è briosa, mentre il Como, farraginoso, prova a spingere. Al 28' Cicconi penetra in area ma la mira non è precisa. Nel frattempo Capogna, dolorante, si fa applicare una benda sulla coscia.  Al 38' iniziativa di Iocolano che conclude; la sfera sorvola la traversa.  Al 41' tiro-cross di Terrani bloccato da Pissardo. La ripresa si apre con una conclusione alta di Azzi.
E' il preludio al raddoppio che arriva al 3' a coronamento di una azione pregevole: Foglia per Capogna, il quale “no-look” appoggia a Mangni. L'italosenegalese dribbla Crescenzi e con un esterno sinistro batte Facchin. L'aquila vola sulle ali dell'entusiasmo e all'8' arriva un' altra segnatura: Capogna dal limite effettua un magistrale tiro a giro che si smorza nel sacco. Per il centravanti romano è il nono gol stagionale.  Al 23' centro di Dkidak e Azzi (ottima la sua prova) anticipa Ferrari, pronto alla deviazione. I blucelesti non rinunciano all'offensiva.   Al 25' Azzi evita un difensore e calcia di potenza, costringendo Facchin alla deviazione.  Al 28' Iocolano inventa un pallonetto che si corica a ridosso del palo ed esce.  In campo c'è solo il Lecco. Al 32' Iocolano apparecchia per Mastroianni che realizza a porta sguarnita, incidendo così il proprio nome su questo storico successo. Al 45' botta di Ferrari e palo esterno. E l'ultima emozione di un derby che resterà a lungo impresso nella memoria dei tifosi blucelesti.

TABELLINO


LECCO (3-4-2-1): Pissardo; Merli Sala, Malgrati, Cauz; Celjak, Foglia, Bolzoni, Azzi (35' st Nannini); Iocolano (35' st Emmausso), Mangni (23' st Masini); Capogna (28' st Mastroianni).
A disposizione: Borsellini, Lora, Liguori, Marotta, Nesta, Moleri, Raggio, Capoferri.
Allenatore: Gaetano D'Agostino.

COMO (4-2-3-1): Facchin; Iovine, Crescenzi, Solini, Dkidak; Bellemo, H'Maidat; Cicconi (40' st Daniels), Gatto (35' st Arrigoni), Terrani (10'st Koffi) ; Gabrielloni (10' st Ferrari).
A disposizione: Zanotti, Toninelli, Bovolon, Celeghin, Allievi, Walker, Bertoncini, Castillion.
Allenatore: Giacomo Gattuso

ARBITRO:  Maranesi di Ciampino

MARCATORI: 19' pt autorete di Crescenzi, 3' st Mangni, 8' st Capogna, 32' st Mastroianni.

NOTE: Partita a porte chiuse. Serata piovosa. Ammoniti: Cauz, Mangni, Azzi
Curva Nord addobbata con colori blucelesti, striscione e stemma della città di Lecco.
R.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco