Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.776.398
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 17 febbraio 2021 alle 12:35

Valmadrera: interdittiva antimafia della Prefettura colpisce la società di Danilo Monti

Danilo Monti
È stata adottata quest'oggi dal Prefetto di Lecco Castrese De Rosa una nuova informazione antimafia, a carattere interdittivo, nei confronti dell'impresa individuale Monti Auto di Monti Danilo, con sede a Valmadrera, operante nel settore del commercio online di autovetture.
Monti, attualmente ristretto in carcere per omicidio, è risultato destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito della recente indagine Cardine - Metal Money, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano e condotta da Questura e Guardia di Finanza di Lecco.
Classe 1991 e già strettamente legato, secondo gli inquirenti, alla famiglia dei Trovato - nota per la sua affiliazione alla criminalità organizzata di matrice ‘ndranghetista - Danilo Monti, annota la Prefettura,  "viene considerato, nell'ambito della nuova inchiesta, il punto di intersezione tra diverse cosche calabresi che, interagendo tra loro sul territorio della provincia di Lecco e in quelle limitrofe, evidenziano una comunione di interessi criminali".
L'impresa a lui riconducibile è sottoposta a sequestro dallo scorso martedì, giorno in cui è stata data applicazione alle ordinanze dell'autorità giudiziaria.
Salgono così a 13 le interdittive emesse dalla Prefettura di Lecco in meno di due anni, frutto di un intenso lavoro svolto dal Gruppo Interforze Antimafia, all'interno del quale operano Questura, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Direzione Investigativa Antimafia.
"L'attività di prevenzione amministrativa è fondamentale per contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto produttivo legale. Proseguiremo su questo fronte per tutelare, con tutti gli strumenti che l'ordinamento ci offre, l'economia di questo territorio" ha commentato il Prefetto De Rosa.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco