Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.414.775
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 17 febbraio 2021 alle 17:53

Lecco, Movimento Nazionale: ''ragazza aggredita sul treno''

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione circa una presunta aggressione in treno, invitando il firmatario a suggerire a chi a segnalato l'accaduto di rivolgersi anche alla Polfer o alla Questura per segnalare formalmente l'accaduto, nella speranza di poter risalire ai soggetti coinvolti.

Mattina del 17 febbraio 2021
 
Il treno corre sul binario da Sesto San Giovanni a Lecco.
Giulia è seduta nello scompartimento, quando due extracomunitari marocchini entrano.
I due mezzi uomini - un eufemismo per non essere volgari - si avvicinano, la minacciano: vogliono lo smartphone e le scarpe.
 
Lei reagisce: pugni, gomitate, calci; un paio di colpi ben assestati al naso e ai genitali e i due si danno alla fuga, aiutati da altri due compari che erano nello scompartimento a fianco.
Giulia coglie l'occasione, lanciandosi dalla scaletta appena il treno ferma a Maggianico.
Salva per miracolo!


Le mani di Giulia dopo la reazione


 
La brutta storia per lei e per noi non finisce qui!
Se i due fossero stati armati? Se invece di reagire istintivamente si fosse paralizzata per la paura?
La mente ritorna a quegli istanti di terrore.
Daremo seguito alla denuncia di Giulia, inviando questo scritto ai giornali locali, al Sindaco Gattinoni.
Il primo cittadino chiami la ragazza e si scusi per quanto accaduto o, in quanto italiana, diversamente dalla furbetta immigrata sul bus Linee Lecco, non ne ha diritto?
Ogni autorità competente deve intervenire immediatamente!
Pretendiamo sicurezza attiva per chi viaggia sui mezzi pubblici: controlli serrati nelle stazioni e Polizia armata sui convogli!
Non c'è tempo da perdere, ci sono vite in gioco in una quotidiana guerra per la sopravvivenza.
Nessuna comprensione per questi soggetti, tanto fortunati da non averci incontrato sul convoglio…

 Cristian Borghetti
Responsabile Movimento Nazionale Lecco
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco