Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.491.862
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/03/2021
Merate: 47 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 31 µg/mc
Valmadrera: 33 µg/mc
Scritto Venerdì 19 febbraio 2021 alle 10:59

Papa Giovanni XXIII: premiati i 'lettori'. Carnevale con i nonni

Mille euro tutti da leggere. La scuola dell’Infanzia «Papa Giovanni XXIII» di Lecco Centro si è aggiudicata la vittoria del contest nazionale #ioleggoperché, progetto promosso dall’Associazione Italiana Editori con i Ministeri dell’Istruzione e per i Beni e le Attività Culturali. La richiesta era quella di organizzare (nella seconda metà del mese di novembre) un evento «a distanza di sicurezza» per promuovere la lettura e sostenere le donazioni alla biblioteca scolastica. Il contest, partito lo scorso autunno, ha coinvolto scuole e librerie, gemellate a due a due: i premi in denaro sono stati distribuiti con il supporto di SIAE. Ad aderire, 310 istituti per un totale di 10 buoni vinti.



Nel video che si è aggiudicato il premio, i bimbi della scuola lecchese spiegano il motivo del loro amore per la lettura: «Io leggo perché ci sono cose belle, perché mi rilassa, perché mi piace!». «Da anni – spiega Giovanna Bonaiti, coordinatrice – la nostra scuola collabora con le realtà vicine: abbiamo rapporti intensi tra le altre cose con la libreria “Mascari 5” che è a due passi da noi. Per i nostri bimbi è sempre un luogo privilegiato dove trovare risposte ai loro perché sfogliando i volumi o ascoltando Antonella, la nostra amica libraia che legge loro dei racconti di fantasia. I nostri piccoli allievi vivono lo spazio della libreria a piccoli gruppi, accompagnati da noi insegnanti e insieme alla stessa Antonella e alla sua collega Graziella scoprono mondi fantastici ma anche realtà concrete. Anche in questo periodo difficile, il filo che ci lega non è venuto meno».



E così nei giorni scorsi, le due realtà «gemelle» lecchesi, sono state raggiunte dalla felice notizia: «siamo stati selezionati fra i dieci vincitori!». La «Papa Giovanni» - con la Scuola d’Infanzia, il Centro «Trallallà» e la sezione «Pulcini» - non è nuova a collaborazioni di questo tipo: «Da più di cinque anni ormai – spiega ancora la coordinatrice – rinnoviamo il rapporto anche con la “RSA Borsieri” dove nel tempo abbiamo condotto laboratori di gioco che hanno coinvolto piccoli e anziani. I bambini sfidano i nonni al rubamazzetto per esempio, o giocano con la palla, coinvolgendo anche la corporeità. Durante il lockdown abbiamo mantenuto tutto questo scambio anche se a distanza, in una modalità che chiamiamo “da finestra a balcone”, anche se ai bambini manca il rapporto personale e chiedono sempre quando si potrà ricominciare a giocare a carte con loro.


Abbiamo sistemato nella hall della RSA una cassetta per lo scambio di doni tra bimbi e nonni: i bimbi si recano a turno una volta alla settimana per donare e ricevere regalini». Uno scambio importante sia per gli anziani che per i bambini, che si preoccupano reciprocamente del loro benessere e dello stato di salute gli uni degli altri: «I nonni si sentono utili. Quando devono ricevere le visite dei bambini vanno dal parrucchiere, si sistemano e insegnano ai bimbi a fare lo stesso: sentono questo tipo di responsabilità nell’educazione e questo legame forte, che fa bene a noi e a loro». E nell’ambito di questo progetto si è inserito anche il Carnevale di quest’anno, malgrado le difficoltà, aiutato dalla vicinanza delle due strutture che consente la modalità balcone-strada-finestra: una festa in grande stile nella mattinata di ieri, con canti, stelle filanti e coriandoli che ha permesso malgrado la distanza, l’emozione e il coinvolgimento di grandi e piccini.
A.I.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco