Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.494.841
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/03/2021
Merate: 47 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 31 µg/mc
Valmadrera: 33 µg/mc
Scritto Domenica 21 febbraio 2021 alle 19:30

Lecco: è tornata normale la circolazione su via Ghislanzoni

E’ stata riaperta alla normale viabilità via Ghislanzoni, nel tratto compreso tra l’incrocio con via Amendola ed il ponte ferroviario presso via Como. La chiusura era stata resa necessaria per i lavori di demolizione di fabbricati esistenti sul perimetro del vecchio scalo ferroviario Piccola Velocità merci.



Il muro "cicatrizzato" sul perimetro dell'area della Piccola Velocità ferroviaria

L’edificio che ospitava la centrale operativa dello scalo, con la direzione, uffici amministrativi e tecnici, ed altri servizi accessori, è stato completamente abolito. La demolizione è avvenuta anche per la casetta del custode, all’ingresso tra via Ghislanzoni e via Amendola. Il vuoto lasciato dalla demolizione della direzione è stato già riempito da apposito nuovo tratto di muro perimetrale della vecchia area ex Piccola Velocità.



Via Ghislanzoni tornata alla regolare viabilità, nel tratto antistante il polo universitario

Via Ghislanzoni era l’antica via dell’Unione dell’unità d’Italia, che prese il nome del noto autore del libretto dell’Aida, di Giuseppe Verdi, dopo la sua scomparsa avvenuta a Caprino Bergamasco il 16 luglio 1893. La lunga via cittadina, che parte da viale Dante per terminare in piazza Frà Cristoforo nella manzoniana Pescarenico, rischiò la mutilazione nel 1936/1937, per essere dedicata all’ufficiale pilota medaglia d’oro Salvatore Sassi. Si parlò, infatti, di dedicare all’ufficiale dell’Arma Azzurra il primo tratto di via Ghislanzoni, da viale Dante all’attuale via Amendola, che allora non portava ancora tale denominazione. Il motivo era da ricercarsi nel fatto che il giovane Salvatore Sassi avesse studiano nell’istituto tecnico “Giuseppe Parini” nel palazzo scolastico della via. Venne, però, deciso dal podestà di dedicare a Salvatore Sassi una piazza centrale della città e la scelta cadde sull’attuale esistente tra piazza Diaz e l’incrocio con via Carlo Cattaneo e via Marco d’Oggiono.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco