Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 118.552.852
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 02 marzo 2021 alle 12:41

Calcio, Serie C: il Lecco ospita il Renate per un 'crocevia importante'

Saranno punti pesanti quelli in palio nello scontro diretto tra Lecco e Renate, in campo domani (ore 15) al Rigamonti-Ceppi. Il derby, giovane ma già ricco di contenuti, rappresenta un crocevia importante per due squadre in piena corsa verso il traguardo promozione. I blucelesti arrivano dal tonante 4-0 ai danni della Juventus U23, mentre i nerazzurri sono reduci dal pareggio interno contro il Piacenza. Intanto, con la sconfitta del Como a Busto Arsizio, la classifica in zona playoff si è accorciata. I lariani restano in vetta con 55 punti, ma sono stati avvicinati dal Renate (51), dalla Pro Vercelli (50), dal Lecco (47), imbattuto nelle ultime dieci partite, e dalla Pro Patria (45). La lotta per la promozione si sta facendo sempre più aperta.

“Incontriamo una squadra che è davanti a noi, tanto di cappello – ha puntualizzato mister Gaetano D'Agostino nella videoconferenza di presentazione -  Dovremo affrontare la gara nel modo giusto, con lucidità e agonismo.  E proprio l'agonismo permette in questa categoria di sopperire a qualche aspetto tattico. Ma niente foga. Ci vorrà piuttosto concentrazione assoluta. Sarà importante vincere i duelli perché prevedo moduli simili. Importante sarà anche indirizzare la gara, sfruttando prontamente le occasioni propizie. Stiamo percorrendo la nostra strada. Mancano undici partite e tutte sono da considerare finali. Con i turni infrasettimanali si corre rapidamente. Il tempo passa veloce e mentalmente bisogna essere sempre carichi”.     

Nelle ultime gare il Lecco ha rarefatto l'impiego degli under, privilegiando giocatori esperti. “Partiamo da un presupposto: un giovane molto forte e completo gioca in serie A – ha spiegato D'Agostino - In Lega Pro arrivano giovani bravi che però necessitano di un completamento. E i giovani bravi il Lecco li ha. Tuttavia, è giunto il momento in cui i punti e i risultati pesano. Non abbiamo accantonato gli under verso i quali riponiamo fiducia. Sono chiamati in causa ma con leggerezza, per togliere loro il peso della responsabilità che in questo momento va data ai vari Marzorati, Iocolano, Malgrati e non a Nesta, Capoferri, Nannini e agli altri ragazzi, pur molto bravi. Il giovane rimane comunque parte del nostro progetto”. 

Il tecnico bluceleste ha quindi descritto gli avversari: “Mister Diana, dopo il pari con il Piacenza, cercherà di migliorare alcuni aspetti. E' normale. Il Renate è una squadra granitica, rischia poco ed è stretta nei reparti. Non penso che verrà qui per concederci ripartenze o le transizioni uno contro uno. Forse non si rivedrà la partita Lecco-Pontedera, però penso che sarà una gara tatticamente studiata nei particolari. Il Renate possiede centrocampisti capaci di concludere da lontano, giocatori bravi nei calci di punizione. Galuppini, che è vicecapocannoniere del girone e Kabashi sono abili tiratori”.   

Le pantere hanno mantenuto la vetta della classifica per dieci turni, fino alla 23^ giornata, poi hanno rallentato la marcia. Nelle ultime otto gare hanno raccolto nove punti, frutto di due vittorie e tre pareggi. Tre le sconfitte. La formazione di Aimo Diana, ex difensore della Nazionale e della Sampdoria, dimostra di non soffrire gli impegni esterni. Fuori casa, infatti, ha collezionato quasi gli stessi punti conquistati al “Città di Meda”: 25 su 51. Il bilancio in trasferta è di sette successi (solo il Como, con otto, ha fatto meglio), quattro pari e tre rovesci. Complesso compatto ed equilibrato, il Renate espone un + 12 per quanto riguarda i gol fatti e subiti (38 a 26). In questa particolare statistica è il Lecco a primeggiare nel girone con un + 16, davanti alla Pro Vercelli (+15). Il miglior marcatore dei renatesi è il 28enne centravanti Francesco Galuppini che ha fin qui messo nel sacco dieci palloni. Seguono con sei centri Kabashi e Maistrello. Diana, dal punto di vista tattico, è affezionato al modulo 3-4-1-2, che prevede anche l'utilizzo di un trequartista. Di solito le chiavi del centrocampo sono affidate all'albanese Elvis Kabashi che ha trascorsi nella Juventus giovanile e nella serie B olandese. Domenica scorsa, nel match impattato in casa contro il Piacenza (gol emiliano dell'1-1 nel recupero), la formazione nerazzurra si è inizialmente disposta con: Gemello; Magli, Merletti, Silva; Marano, Rada, Ranieri, Anghileri; Kabashi; Galuppini, Maistrello. 

Lecco e Renate, come accennato, è un derby recente. Limitandoci agli incontri di campionato, blucelesti e nerazzurri hanno inaugurato i loro duelli all'alba di questo millennio. La formazione brianzola, assurta agli onori del professionismo nel 2010, ha procurato, soprattutto nelle ultime sfide, dispiaceri agli aquilotti che, a parte i primi due match vinti nell'Eccellenza 2002/03 - entrambi per 1-0 ed entrambi risolti da Croci su punizione - , hanno spesso trovato ostacoli contro i nerazzurri. Dopo quel duplice successo bluceleste, sono stati i pareggi a dominare incontrastati nei successivi derby giocati in seconda divisione – ex C2 -  nel 2010/11 (2-2 e 1-1) e  nel 2011-12 (0-0 e 1-1). Lecco e Renate sono tornati a incrociarsi la scorsa annata nel campionato di C. Nell'unico incontro (10 novembre 2019) del torneo poi sospeso definitivamente per pandemia, si è registrato il successo netto dei nerazzurri al Rigamonti-Ceppi per 2-0 con i gol di  Guglielmotti e Galuppini nella ripresa, Lo stesso punteggio a favore dei brianzoli ha caratterizzato la partita d'andata dell'attuale campionato, disputata il 7 novembre 2020 al “Città di Meda”. Realizzatori Giovinco al  26' e Maistrello 49'.
Domani il Lecco, dopo diciotto anni di digiuno, vuole ritrovare la vittoria contro la formazione dei “presidentissimi” Giancarlo Citterio e Luigi Spreafico.
“Oggi proverò un paio di opzioni, perché la gara può essere interpretata in due modi diversi – ha detto D'Agostino – O li andremo a prendere forti, per non farli respirare, oppure cambieremo atteggiamento. Cercheremo di trasformare la positività post Juventus in energia fisica”.      
A parte gli infortunati Galli e Purro, il mister bluceleste avrà tutti a disposizione. Rimane qualche dubbio solo su Mastroianni, che accusa un problema alla schiena. Recuperati Mangni (ginocchio) e Iocolano (taglio all'addome) che domenica sono usciti anzitempo destando un po' di apprensione. “Mangni è convocabile. Non so se giocherà ma farà parte dei venti, mentre Iocolano si è ripreso dopo la botta al costato” ha chiarito il tecnico siciliano.
Arbitrerà il romano Davide Moriconi.

Le altre partite del 28° turno. Oggi: Pro Sesto-Pro Patria. Domani: Olbia-Como, Piacenza-Giana Erminio, Albinoleffe-Lucchese, Pro Vercelli-Pergolettese, Juventus U23-Novara, Pontedera-Pistoiese. Giovedì 4 marzo: Livorno-Alessandria, Carrarese-Grosseto.

Classifica: Como 55, Renate 51, Pro Vercelli 50, Lecco 47, Pro Patria 45, Alessandria 44, Juventus U23 40, Albinoleffe e Pontedera 38, Grosseto 37, Carrarese 35, *Pergolettese e **Pro Sesto 32, Novara 31, Piacenza 29, Olbia 28, Pistoiese 27, *Giana 21, Livorno (-5 di penalizzazione) e Lucchese 19.
R.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco