Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 121.257.940
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/05/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Sabato 06 marzo 2021 alle 13:05

Calcio: il Lecco torna di nuovo in campo, in trasferta a Novara

CALCIO SERIE C GIRONE A
29^ GIORNATA: NOVARA-LECCO


E' un campionato che non concede respiro. Neppure il tempo di godersi il successo sul Renate, che già i blucelesti sono chiamati ad un altro impegno. Domani, con inizio alle 17,30, gli aquilotti sfideranno  allo stadio “Silvio Piola” il Novara, formazione appena sopra la zona playout. Frattanto la classifica sta sorridendo ai ragazzi di mister D'Agostino che si sono confermati al quarto posto con 50 punti, a una lunghezza dal Renate e a tre da una Pro Vercelli in grande spolvero. In vetta c'è il Como fermo a 55 e con una gara da recuperare. Il Lecco è imbattuto da undici giornate ma guai abbassare la guardia in una categoria dal forte timbro agonistico.   
“Il Novara è una squadra molto brava in fase offensiva e nelle ripartenze – ha analizzato il tecnico Gaetano D'Agostino – Possiede giocatori veloci, abili nell'uno contro uno e capaci di determinare dalla tre quarti in poi. Sarà la classica partita da prendere con le molle. Dovremo restare concentrati, curare i dettagli e lavorare sulle preventive. Il Novara è in salute. Mercoledì ha perso contro la Juventus U23 al 93' quando era ridotta in nove. Domani mi attendo una partenza molto forte degli avversari. Quindi dovremo essere in grado di reggere l'urto e poi delineare la partita. Il fattore positivo è che il campo del “Piola” è in sintetico e ciò favorirà gli appoggi. Occorre sottolineare che ogni match possiede una lettura diversa e che in Lega Pro non esistono gare facili. Dal punto di vista tecnico la compagine piemontese non merita la graduatoria che occupa. Mentalmente dobbiamo essere allenati per affrontare qualsiasi tipo di situazione”.     
Il Novara, attrezzato per un campionato d'avanguardia, sta infatti interpretando un ruolo inatteso tra le paludi della bassa classifica. I piemontesi occupano il quattordicesimo posto con 31 punti, derivati da sette vittorie e dieci pareggi. Undici le sconfitte. L'attacco, con 32 gol messi a segno, non presenta un finalizzatore principe, bensì diversi giocatori in grado di offendere. I più assidui sul tabellino marcatori sono finora stati le punte Lanini (6), Panico (4) e il mediano Daniele Buzzegoli (4), giocatore che vanta esperienze in serie B con Pisa, Varese, Ascoli, Benevento e con lo stesso Novara.  In avanti giostra l'argentino Pablo Andres Gonzalez, trentacinque primavere sulle spalle, ma classe sopraffina e sinistro da temere.        
Al di là delle posizione in classifica, il Novara è squadra imprevedibile, dalle indubbie risorse tecniche e capace, se indovina la giornata, di battere qualsiasi avversario. Per quanto riguarda il girone di ritorno, gli azzurri esibiscono un bilancio equamente distribuito: tre vittorie, tre pareggi e altrettante sconfitte.  L'ultimo successo in casa risale al 7 febbraio, quando gli azzurri superarono l'Alessandria per 2-1 grazie ai gol di Lanini e Schiavi. Al “Piola”, i piemontesi hanno conquistato 16 dei 51 punti in graduatoria.
Nel turno infrasettimanale il Novara è stato sconfitto fuori casa dalla Juventus U23. Dopo aver giocato un primo tempo vigoroso, gli azzurri hanno dovuto ingoiare la beffa del 2-1 in pieno recupero.  In quel momento la squadra di Banchieri stava giocando in nove per l'espulsione di Bove (doppia ammonizione) e per l'infortunio di Cagnano. Entrambi saranno assenti domani nella sfida con il Lecco. Non ci sarà neppure l'altro squalificato Bortoletti.  
Questa la formazione schierata inizialmente contro la Juventus: Lanni; Corsinelli, Pogliani, Bove, Cagnano; Buzzegoli, Schiavi; Malotti, Lanini, Zunno; Gonzalez.
Modulo: 4-2-3-1.   
Nel ritorno il Lecco ha totalizzato ventuno punti in nove partite. Insieme con la Pro Vercelli, seconda in classifica, è la squadra che ha fatto meglio.
“Agganciare la Pro Vercelli ? Fino a qualche tempo fa dovevamo correre solo su di noi e trovare una identità anche nello spogliatoio - ha risposto l'allenatore lecchese -  
Quando i ragazzi hanno cominciato a conoscersi meglio e a frequentarsi, pandemia permettendo, si è creato qualcosa di importante. La partita che ha dato l'avvio a questo cambiamento è stata quella in trasferta con la Giana. La rincorsa non è sulla Pro Vercelli o sul Renate. Continuiamo a correre su noi stessi”.
Uno dei simboli della rimonta è il 27enne Doudou Mangni, origini senegalesi, nato a Roma e lecchese d'adozione. Dopo un girone di andata alterno, l'attaccante è diventato giocatore indispensabile.
“Dodou è uno che si sacrifica e che lotta – ha dichiarato D'Agostino – La sua crescita è lampante ed è il simbolo del progresso di tutto il gruppo. Si è tolto un po' di “anarchia” nelle giocate e si è messo a disposizione della squadra”.  
Mangni, nonostante non sia ancora al meglio, domani sarà presente al “Piola”.  Assenti invece, oltre a Galli e Purro, il difensore Merli Sala e, molto probabilmente, l'attaccante Mastroianni che lamenta un dolore alla schiena. A Merli Sala è stata inflitta una giornata di squalifica in quanto, secondo il referto, in occasione di Lecco-Renate “ dalla panchina quale giocatore sostituito protestava verso l'arbitro pronunciando espressioni blasfeme”.  Al riguardo, mister D'Agostino ha tenuto a precisare: “Identificarlo in mezzo a quella confusione secondo me è stato come giocare a tombola.  Hanno estratto un qualcosa e hanno preso Merli Sala”.
Sulla formazione il tecnico non si è sbottonato.
“Due e o tre interni di centrocampo ? Il Lecco è abituato a giocare a due. Non abbiamo atleti che percorrono cinquanta, sessanta metri senza palla.  Abbiamo invece calciatori brevilinei, rapidi e bravi nei cinque sei metri. Non è quindi gente che “strappa”. Quando siamo passati a due, ho visto che i centrocampisti, conoscendo distanze e movimenti, conferivano più equilibrio. Comunque esistono partite che vanno interpretate a tre, altre a due.  Se dovessimo applicare a Novara il 3-4-2-1, faranno più lavoro i due trequartisti”. Considerata la squalifica di Merli Sala, mister D'Agostino potrebbe utilizzare Masini come quarto di centrocampo e arretrare Celjak.  
Dirigerà l'arbitro Daniele De Tommaso di Rimini, assistito da Castro di Livorno e Giuggioli di Grosseto.

Le altre partite della 29^ giornata: Grosseto – Juventus U23, Giana Erminio-Livorno, Pergolettese-Olbia, Pro Patria-Piacenza, Como-Pro Sesto, Renate-Carrarese, Lucchese-Pontedera, Pistoiese-Pro Vercelli, Alessandria-Albinoleffe.

La classifica: *Como 55, Pro Vercelli 53, Renate 51, Lecco 50, Alessandria 47, **Pro Patria 46, Juventus U23 43, Pontedera 41, Albinoleffe 39, Grosseto 38, Carrarese 36, Pro Sesto 33, *Pergolettese 32, Novara 31, Piacenza 30, *Olbia 28, Pistoiese 27, *Giana 22, Lucchese 20, Livorno 19 (-5 di penalizzazione).

** due partite in meno
*   una partita in meno
R.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco