Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.821.951
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 30 marzo 2021 alle 15:07

Cave e crateri

Paolo Trezzi
Cara Leccoonline

Leggendo le parole del Presidente Uselli che avete pubblicato forse si chiude una cava ma si è aperto un cratere.
Un cratere enorme, infinito di opportunismo e finto ambientalismo, offensivo verso città e consiglieri che è ancor più enorme di una già enorme cava.

Lo è di più perché questo cratere ha la forma che svela uno stile, un modello di comportamento dei politici verso la città

C'eran già state, in pochi mesi, fin troppe riprove
Oggi emerge con più fragore delle mine che fan brillare le rocce in cava

E si palesano sotto l'ombra di un apparente passaggio minore del Presidente Uselli in merito alla sospensiva della Conferenza dei Servizi

"il 20 luglio 2020 il Comune aveva fatto avere le proprie osservazioni, non opponendosi alla richiesta di ampliare il fronte di cava avanzata da Unicalce". BOOM!!

Questo è la via tracciata di una montagna di sterco dove serve mettere solo la corda ai chiodi già fissati

C'è stata quindi una slavina di omissioni e inadempienze, di opportunismi e chiacchiere afone e lo stesso rimbombanti del Comune:

- OMERTÀ . Per aver tenuto nascosto queste Osservazioni, che forse rasenta anche l'omissione

- SILENZIO. In tutti questi mesi di Campagna di pressione da parte di migliaia di persone per salvare il Magnodeno

- AVALLO. Nei fatti se non ancora nelle ratifiche, all'ampliamento della cava e alla distruzione, definitiva, del Magnodeno.

- ANTIAMBIENTE. Da parte della Giunta Brivio e non solo, visto che il suo assessore Dossi è ora leader di Ambientalmente,, consci di tutto ciò che comporta a fauna, flora, torrenti, in una parola: Natura. Biodiversità.

- OPPORTUNISMO. È probabile che l'omertà sulla decisione del luglio scorso era funzionale a non far emergere falso ambientalismo e criticità a soli tre mesi dalle elezioni, dopo l'ex Cava Pozzi

Avevan già deciso: favorevoli all'ampliamento

- MALAVOGLIA. Solo all'ultimo, costretti dopo mesi di (ora) ovvi silenzi, sollecitati, ricevono il Comitato che chiede una sospensiva.
Hanno tempo per rimediare. È in loro facoltà, anche se gli costa fatica

Più di qualcuno dovrebbe dimettersi e molti andare a sotterrarsi, sotto una montagna di calce
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco