Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.400.277
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 02 aprile 2021 alle 10:19

Lecco: sacco rosso? Operazione intempestiva

Spettabile Redazione,
leggo che dal 12 aprile le famiglie lecchesi dovranno mettersi in coda per ritirare i sacchi rossi per la raccolta indifferenziata. Mi sembra che l’intera operazione sia quanto mai intempestiva : quand’anche a quella data fossimo entrati in zona arancione , quindi autorizzati a muoverci nel Comune senza autocertificazione, non dovrebbero venir meno le più elementari norme di prudenza, che impongono di evitare spostamenti non necessari e assembramenti.
Oltre tutto, per il ritiro dei sacchi ci si dovrebbe recare in istituti scolastici.  Se pure i piccoli  non sono  a scuola in quegli orari e si venisse accolti in spazi dedicati, resta comunque il problema della presenza di più persone in ambienti magari angusti, per un periodo di tempo anche prolungato a causa degli inevitabili disguidi e lentezze procedurali, ambienti che andrebbero sanificati a dovere, regolarmente. Da ultimo, ritengo comunque che il numero dei punti di ritiro, degli orari e dei giorni  sia del tutto insufficiente per scongiurare il pericolo  e, per favore, non ci si nasconda dietro l’adagio “il rischio zero non esiste”.
Tutto questo mentre in Italia la campagna vaccinale non ingrana ancora (ieri più di 500 morti) , in una Lombardia che si è mossa con colpevoli, inammissibili ritardi .

Distinti saluti
Una cittadina
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco