Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 119.625.045
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/04/2021
Merate: 27 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Sabato 03 aprile 2021 alle 20:29

Il Lecco sconfitto dalla Pro Patria, per la 12esima volta di fila

CALCIO SERIE C GIRONE A
34^ GIORNATA: LECCO-PRO PATRIA 0-1

La Pro Patria continua a essere un tabù per il Lecco che incappa nella dodicesima sconfitta consecutiva contro la formazione di Busto Arsizio. Al di là della statistica, il ko è doloroso in termini di classifica poiché permette proprio ai tigrotti di affiancare i blucelesti al quarto posto. Sconfitta meritata per un Lecco sottotono e ancora provato dalle fatiche accumulate mercoledì a Crema. Però la prestazione non c'è stata, se si esclude la parte della ripresa in cui gli aquilotti hanno assunto l'iniziativa. Esultano invece i tigrotti che, dopo un buon primo tempo, sono riusciti a sorprendere il Lecco nella fase finale del match. Di Gatti il gol vittoria all''85'.
"A centrocampo, viste le assenze, non avevano cambi e la gara di Crema ci ha tagliato le gambe. Tuttavia ciò non deve costituire un alibi - ha detto il diesse del Lecco Domenico Fracchiolla in sala stampa - Sono dispiaciuto soprattutto per i tifosi. Nel momento in cui stavamo facendo bene, abbiamo concesso il gol su palla inattiva. Calo nelle ultime partite ? Dopo la sconfitta di Novara non siamo stati più gli stessi. In questo momento noto dello scoramento e quindi è necessario ricompattarci per finire bene il campionato. La Pro Patria ha vinto meritatamente".
"Quando si perde il nostro presidente si infuria - ha commentato il direttore generale Angelo Maiolo - La gara con la Pergolettese si è fatta sentire ma va detto che anche altre squadre hanno giocato mercoledì. Siamo ancora quarti, Proveremo a tirare su il morale dei ragazzi, in vista della partita di domenica contro la Pro Vercelli, seconda in classifica".

Cronaca
Gli allenatori D'Agostino e Javorcic, squalificati, sono sostituiti in panchina dai rispettivi "vice": Mancino e Sala.
Tra i blucelesti mancano lo squalificato Lora, gli infortunati Galli, Foglia, Liguori ai quali si accoda all'ultimo momento Marzorati, sostituito da Merli Sala.
Il primo squillo è bustocco. Al 3' Brignoli riceve da Parker e di destro manda di poco a lato. Giro palla del Lecco che cerca l'affondo, però senza incidere. Al 13' altro tiro degli ospiti: Parker offre a Pizzul che di sinistro non trova il bersaglio. La Pro Patria sembra più in palla, proponendosi con buona continuità. Al 17' punizione di Bertoni, stacco di testa di Lombardoni e sfera sul fondo. Un minuto dopo grossa opportunità per i tigrotti. Un rimpallo favorisce lo sgusciante Kolaj il quale si porta davanti a Pissardo e conclude; il numero uno lecchese compie un intervento miracoloso, salvando la porta. Al 23' calcio d'angolo per il Lecco, al volo tenta la fortuna Mangni ma il tiro si smorza in curva. La squadra bustocca arriva quasi sempre prima sulle seconde palle, mentre i ragazzi di D'Agostino faticano a produrre azioni lineari. Kolaj è indiavolato e fa soffrire i difensori blucelesti. Al 25' l'italo-albanese si libera sulla destra e chiama ancora in causa Pissardo. Al 34' centro di Celjak per Capogna che non riesce ad agganciare.
Nessuno cambio nel Lecco ad inizio ripresa. Al 9' punizione di Lombardoni con pallone che lambisce il palo alla sinistra di Pissardo. Al 12' Mancino per vivacizzare il gioco immette Azzi al posto di Mangni. I blucelesti sembrano più convinti e guadagnano metri, mentre la Pro Patria si abbassa Altre sostituzioni nel Lecco al 26'. Emmausso e Capoferri rilevano Capogna e Nannini. Quest'ultimo, tra i migliori in campo, esce causa un infortunio accusato in avvio di ripresa. Al 35' Iocolano cade in area ma riceve il giallo per simulazione. Torma a farsi vedere la Pro Patria. Al 37' Pissardo in due tempi para una botta da venti metri scagliata da Boffetti. Al 39' Celjak spinge sulla destra e centra per Emmausso che tenta la rovesciata. Nulla da fare. Al 40' gli ospiti realizzano: calcio d'angolo di Bertoni raccolto da Gatti il quale con un bolide al volo di destro spedisce alle spalle di Pissardo, incolpevole.

TABELLINO

LECCO (4-3-3): Pissardo; Celjak, Marzorati, Cauz, Nannini (26' st Capoferri); Marotta (42' st Mastroianni), Bolzoni, Masini; Mangni ( 12' st Azzi), Capogna (26' st Emmausso), Iocolano.
A disposizione: Borsellini, Bonadeo, Malgrati, Malinverno, Purro, Nesta, Hadara.
Allenatore: Gaetano Mancino (squalificato Gaetano D'Agostino)

PRO PATRIA (3-5-2): Greco; Gatto, Lombardoni, Boffelli; Colombo, Nicco, Bertoni, Brignoli (14' st Galli), Pizzul (45' st Saporetti); Kolaj (33' st Castelli), Parker.
A disposizione: Mangano, Compagnone, Molinari, Cottarelli, Le Noci, Fietta, Spizzichino, Ferri, Vaghi.
Allenatore: Massimo Sala (squalificato Ivan Javorcic)

ARBITRO: Carrione di Castellamare di Stabia

MARCATORI: 40' st Gatti

NOTE: Partita a porte chiuse. Ammonito Iocolano.

Roberto Frigerio
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco