Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 138.430.517
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 05 aprile 2021 alle 10:29

Rientra dalla 2° casa: multato perchè in moto percorre la litoranea e non le gallerie

Riceviamo e pubblichiamo il testo scritto da Marco Bandini, Presidente di Anaci Lecco - Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari - per raccontare la "disavvenutura" patita nel pomeriggio di Pasqua, percorrendo la sp72 in sella alla propria moto.

Un tratto sull'alto lago della sp72 "litoranea" in una foto d'archivio
Erg. Sig. Direttore,
mi duole dover rendere noto l'increscioso fatto accaduto a me, ed mio figlio, nella giornata di ieri. Partiti in moto, con l'intento poi resosi vano per problemi tecnici, di recarci presso la nostra seconda casa in locazione ubicata presso campeggio nei Grigioni in Svizzera per interventi di manutenzione all'impianto idrico, siamo stati multati al rientro pomeridiano da un appuntato dei Carabinieri, (in forza alla stazione di Bellano) perché, a suo dire, "eravamo in motocicletta e percorrevamo la litoranea e non la strada delle gallerie". Già, la motivazione orale davanti ad suo collega, è stata questa: usare l'auto, e non passare per la strada adiacente il lago. Nonostante noi si avesse la autocertificazione in tasca, e la possibilità di provare la locazione della casetta con documenti appresso, non c'è stato nulla da fare. Essendo stato, io, militare dell'Arma, mi rendo certo conto cosa significhi essere di servizio nelle importanti feste comandate, e che i motociclisti possano apparire loro spesso come soggetti "abbienti e scanzonati", ma, in questa occasione, io ritengo, e con profondo rispetto nei confronti della divisa, ci sia stata una valutazione sommaria e leggera, non tenendo assolutamente in nessun conto delle spiegazioni oggettive fornite, in difesa. Dispiace perché, da sempre, l'Arma dei Carabinieri si è contraddistinta (anche in provincia di Lecco) per ascolto e comprensione delle istanze della popolazione varia. Un'occasione persa. Peccato.
Marco Bandini, residente ad Imbersago
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco