Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.392.279
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 30 aprile 2021 alle 08:41

PAROLE CHE PARLANO/23

Sofisticato, come un vino raffinato o adulterato?

Alcune parole sono ambigue e ci permettono di trasmettere messaggi altrettanto equivoci. Se usassi il verbo stimare (dal lat. aestimare, di derivazione incerta, forse da aes, bronzo, denaro) nei confronti di qualcuno, posso comunicare che lo tengo in alta considerazione, ma anche, subdolamente, che lo sto valutando, soppesando, che gli sto dando metaforicamente un prezzo, come si fa con un bene da mettere in vendita.
Altrettanto si può dire per l'aggettivo sofisticato che riserviamo spesso alle persone raffinate ed eleganti o agli oggetti tecnologicamente avanzati, perfezionati. Pertanto può essere sofisticato chi si presenta in abiti eleganti o chi mostra tutta la sua ricercata eloquenza, ma anche uno smartphone ultimo modello di fascia alta, in grado di fare tutto tranne il caffè.
L'origine di questo termine dobbiamo cercarla nell'antica Grecia dove venivano definiti sofisti i retori capaci di prestazioni oratorie raffinatissime e a volte artificiose. In greco antico, sophizo significa rendo sapiente, parlo da sapiente, con arguzia e scaltrezza.
Purtroppo, proprio questa scaltrezza e questa eccessiva furbizia hanno reso possibile far assumere al termine sofisticato anche il significato di adulterato, alterato, artificioso, eccessivamente ricercato. Quindi possiamo affermare tranquillamente che il buonissimo vino che stiamo bevendo è sofisticato se vogliamo congratularci con chi lo ha prodotto o ce l'ha offerto; ma abbiamo il diritto di parlare di vino sofisticato e di sofisticazione anche quando ci accorgiamo che si tratta di una bevanda la cui natura è stata contraffatta. Un commiato sofisticato? Prosit!


PER RILEGGERE LE PRECEDENTI PUNTATE DELLA RUBRICA, CLICCA QUI
Rubrica a cura di Dino Ticli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco