Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 120.996.061
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 04 maggio 2021 alle 13:38

Olginate: finisce in manette per droga ma a casa aveva anche materiale rubato in 2 scuole di Calolzio

I Carabinieri della Stazione di Calolzio si sono presentati alla sua porta per eseguire un'ordinanza di perquisizione nell'ambito delle indagini scaturite da una serie di furti messi a segno nei mesi passati all'interno della vicina scuola primaria del Pascolo. Una volta "ispezionato" l'appartamento, per lui sono scattate le manette ma... per droga. In casa Tahiru Mumuni, classe 1985, originario del Ghana, residente a Olginate, "conservava" infatti 97 grammi di hashish - in parte già "lavorati" per ottenere degli spinelli - ovviamente posti in sequestro dai militari agli ordini del maresciallo Fabio Marra che quest'oggi hanno tradotto lo straniero in Tribunale per l'udienza di convalida del fermo al cospetto del giudice Enrico Manzi. Per il 36enne il pubblico ministero d'udienza, il Vpo Mattia Mascaro, ha chiesto la custodia cautelare in carcere. E' stato disposto l'obbligo di presentazione tre volte la settimana. Il processo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente è stato differito al 4 giugno, su richiesta dell'avvocato difensore, l'avvocato Davide Minervini.
Tornando al motivo che ha portato le divise a Olginate a casa del sospettato, la perquisizione ha dato positivo anche a conferma di quel quadro accusatorio originale. Nell'alloggio dello straniero, operaio con quattro figli a carico, indagato insieme ad altri due soggetti di nazionalità italiana come emerso quest'oggi in Tribunale in fase di convalida dell'arresto, infatti, è stato trovato materiale - di cancelleria ma anche elettronico, tra pc e schermi - riconducibile alla scuola della vicina frazione calolziese ed a altro plesso visitato nel corso del 2020. Ma non solo: gli uomini dell'Arma hanno attenzionato anche attrezzi come decespugliatori e tagliaerba provento parrebbe di furti commessi nel tempo all'interno di capanni agricoli di Calolzio di proprietà di privati cittadini e aziende del settore. La refurtiva rinvenuta, sottoposta a sequesto, sarà loro restituita.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco