Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 121.003.027
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 04 maggio 2021 alle 15:05

Olginate: muore a soli 24 anni dopo aver messo al mondo la sua primogenita, in tantissimi per l'addio

Morta dopo aver dato alla luce una bimba, a soli 24 anni. È successo nei giorni scorsi all'Ospedale Manzoni di Lecco, dove una donna di origini nigeriane - Cynthia Oui - è spirata dopo aver messo al mondo la sua tanto desiderata primogenita, pare dopo un cesareo d'urgenza. Un destino beffardo, peraltro comune a quello della mamma, venuta a mancare proprio a seguito del parto - avvenuto in Africa - come raccontato in più occasioni dalla stessa ragazza una volta giunta nel nostro Paese.


Cynhtia Oui con il corredino preparato per la sua bimba

Cynthia risultava residente a Olginate, in uno degli appartamenti in via Sant'Agnese gestito dalla Cooperativa Itaca a favore dei richiedenti asilo, anche se, di fatto, da qualche mese, era domiciliata a Malgrate, in un alloggio individuato come più idoneo per la sua condizione. Era arrivata in Italia nel 2016, ospite in un primo momento di una struttura a Castello, dove aveva iniziato il suo percorso di integrazione sul territorio grazie anche a un gruppo informale di volontarie lecchesi dal quale è nato, un paio di anni dopo, il laboratorio di artigianato sociale de "Il segreto di Penelope", con cui partecipava a corsi di italiano e attività di vario tipo. Da quanto è stato possibile apprendere il padre della bimba, un connazionale, vive invece a Bergamo, con l'analogo status di richiedente asilo.


Alcune delle persone radunatesi questa mattina all'esterno del cimitero di Olginate

Dopo l'esecuzione di un accertamento diagnostico per indagare le cause del decesso, l'ultimo saluto a Cynthia è stato tributato quest'oggi nella Parrocchiale di Olginate, con la cerimonia condivisa e concelebrata da don Matteo Gignoli e dal pastore della Chiesa evangelica di Lecco, che era solita frequentare. Il feretro è stato poi accompagnato al cimitero, dove si sono radunate centinaia di persone - anche non direttamente legate alla giovane defunta - tanto da far confluire sul posto diverse pattuglie di Carabinieri con il Comandante Luca Bianchini, della Polstrada e della Polizia Locale di Olginate.
Fortunatamente parrebbe in buone condizioni di salute, invece, la neonata, rimasta senza la sua mamma già nei suoi primissimi giorni di vita.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco