Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.398.859
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 01 giugno 2021 alle 09:37

La coda, un sequestro di persona

Cara Leccoonline
Ieri è stato un antipasto a ciò che vivremo con gli scavi per i tubi del Teleriscaldamento.
Ma non per un giorno, sebbene lungo e faticoso, ma per mesi e mesi.
Lecco le auto non è in grado di gestirle.
Anas, sindaci e assessori alla viabilità, non sono in grado di avere voce in capitolo nelle decisioni ai tavoli di coordinamento, oppure sono complici, e, cosa ancor più grave, non sono in grado, per tempo, di fare seria, adeguata e utile comunicazione.
Abbiam vissuto già troppe altre volte blocchi, code che sono a livelli di sequestro di persona.
Un temporale, una chiusura Anas, un giunto del Ponte Manzoni da cambiare, un air show delle Frecce tricolori.
Non è che prima era un incapace l'Assessore Valsecchi e ieri l'Assessora Zuffi è stata sfortunata perché era finito lo smart working.
Va bene, benissimo, che si fan i bus turistici ai Piani d'Erna, ma la mobilità sostenibile quotidiana, lavorativa, si può tutelare o quantomeno non lasciare allo sbaraglio?
È fuor di dubbio che Anas è la massima colpevole, ma si sa anche che è recidiva. L'Assessora Zuffi di cosa era all'oscuro?
Dei lavori, dei prevedibili disagi o dei propri poteri e del suo ruolo?
Come con la cava sul Magnodeno son poteri e ruolo a sua insaputa?
Io dei lavori ancora non ho capito, non perché non si si son fatti di notte, ma perché eran stati programmati per 4 giorni e ora si son sbagliati ed è bastato un giorno.
Ma, seri, siam nelle mani di chi pianifica così?
Le responsabilità sono estese, ma non toccano certo chi oggi era in strada per lavoro, ma chi preposto non è stato in grado di fare il proprio di lavoro.
Perché qui non è che le colpe se le devon sorbire sempre i vigili, l’usciere, gli operai
E no, hai voluto fare l’Assessora alla Viabilità? Insieme agli onori ci son anche gli oneri.
Uno sconforto. Una coda di incapacità nel vestito assessorile da ambientalista, sostenibile.
Sostenibile, ma ferma. Immobile
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco