Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.687.937
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 15 giugno 2021 alle 15:27

Abbadia: 6 mesi la condanna per una bici rubata in stazione

Il vice procuratore onorario Mattia Mascaro aveva chiesto la condanna a un anno, ritenendo che l'istruttoria dibattimentale ne avesse accertato la penale responsabilità in merito ai fatti che gli venivano contestati.
Il giudice in ruolo monocratico Giulia Barazzetta, al termine della camera di consiglio, ha sentenziato sei mesi di pena, oltre al pagamento di una multa pari a 154 euro.
La vicenda giudiziaria discussa stamani in tribunale a Lecco risale al giugno 2018 quando ad Abbadia Lariana era stato denunciato il furto di una bicicletta da donna. La polizia locale, raccolta la segnalazione, aveva individuato l'autore tramite il sistema di videosorveglianza comunale. Inviato ai colleghi dei comandi lombardi attraverso il portale ad hoc realizzato da Regione, erano stati gli agenti della PL di Milano a dare un significativo contributo alle indagini. Dal fotogramma a colori estratto dalle registrazioni, si riconosceva infatti un individuo classe 1953, che era stato fermato e identificato qualche mese prima all'interno del Parco Montanelli di Via Palestro. Come ha confermato stamani un operante escusso quale teste della difesa, l'uomo - Ermes B.- si aggirava all'interno dell'area verde visibilmente annebbiato dai fumi dell'alcol, seminudo, in compagnia dei suoi due cani. Tradotto al comando dagli agenti, era stato identificato grazie ai colleghi di Sesto San Giovanni, luogo di residenza del fermato, che avevano fornito le generalità tramite l'invio di un documento. Per questa ragione una volta ricevuta l'immagine che immortalava l'uomo ad Abbadia, i ''ghisa'' milanesi non hanno avuto alcun dubbio nel collaborare all'identificazione della persona, un soggetto – capelli bianchi di media lunghezza, pantaloncini corti e maglietta con un teschio – ripreso mentre ''armeggiava'' intorno alla bici, allontanandosi poi con la stessa dalla stazione.
Quest'oggi la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero e accolta - seppur con una pena più mite - dal giudice, ha chiuso la vicenda giudiziaria, perlomeno in primo grado.
G.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco