Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.417.851
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 18 giugno 2021 alle 14:16

Oliveto: ladri di motori di barche in azione a Onno, refurtiva abbandonata nella fuga

Ladri di motori in azione nella nottata di venerdì. Approfittando delle ore di buio, ignoti si sono introdotti all'interno di un'area di rimessaggio per natanti, riuscendo a staccare diversi propulsori, sei dei quali però abbandonati prima di darsi a precipitosa fuga, forse disturbati nel loro intento. E' accaduto a Oliveto Lario, più precisamente a Onno, all'altezza del Ristorante Bar La Breva, sulla provinciale.


"Fino a mezzanotte eravamo qui e non ci siamo accorti di nulla. Tra l'altro con l'apertura della pesca all'agone c'era anche movimento in tarda serata, con diversi pescatori sulle spiagge" fanno sapere proprio dall'esercizio commerciale di rimpetto rispetto al ricovero per barche preso di mira dai malviventi. In posto questa mattina sono intervenuti i Carabinieri che hanno altresì provveduto ad avvisare il sindaco Bruno Polti. "Al momento non ci risultano altri furti del genere, almeno non nell'ultimo periodo" ha precisato quest'ultimo.



I motori abbandonati - sei, con tanto di attrezzi "del mestiere" - sono stati presi in custodia dai militari, per la restituzione poi ai legittimi proprietari. Scappando sono stati lasciati dai ladri lungo la stradina che riporta dal Lago al piano della provinciale. Qualcosa, deve, evidentemente, averli costretti a desistere. Furti dello stesso tipo sono stati denunciati solo qualche settimana fa a Brivio, dove diversi tenutari di natanti "parcheggiati" presso gli ormeggi assegnati dal Comune, dalla sera alla mattina, si sono trovati "alleggeriti" dei propulsori. Sono comunque piuttosto usuali, soprattutto sul Lago, con vere e proprie bande dedite a questo business, già più volte eradicate dall'intervento delle forze dell'ordine.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco