Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 129.936.499
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/07/2021
Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Martedì 20 luglio 2021 alle 09:58

UILM, 'Il lavoro non si tocca': il 23, sciopero di due ore anche nel lecchese

Anche le province di Lecco e Como aderiscono allo sciopero convocato dalle segreterie nazionali di UILM, FIOM e FIM per difendere l'occupazione e contro le procedure di licenziamento attuate negli ultimi giorni da alcune aziende e multinazionali (Gkn, Whirlpool, Gianetti Ruote e altre ancora) nei confronti di centinaia di lavoratori. Nel territorio lariano, lo sciopero coinvolgerà tutte le imprese metalmeccaniche nella giornata di venerdì 23 luglio, nelle ultime due ore di ogni turno. Articolazioni e modalità differenti potranno essere definite a livello aziendale dalle singole Rsu.



"Il blocco dei licenziamenti, se fosse stato prorogato, avrebbe solo ritardato quel che sta avvenendo in questi giorni - sottolinea Enrico Azzaro, segretario della Uilm Lario -. Purtroppo anche in questo caso registriamo un forte ritardo della politica. In un anno e mezzo non si è mai entrati nel merito di una riforma degli ammortizzatori capace di tutelare i settori più deboli, creando allo stesso tempo le condizioni per una politica industriale complessiva che consideri fiscalità, investimenti, regole chiare e precise".
"Le vertenze Giannetti, Gkn, Whirlpool, Embraco sono lo specchio dello strapotere delle multinazionali - prosegue Azzaro -. Il blocco dei licenziamenti ha solo spostato il problema in avanti: noi avevamo previsto tutto questo, ed oggi vediamo le conseguenze che ricadono sul Paese con tutta la sua drammaticità".

Per leggere il comunicato delle segreterie nazionali CLICCA QUI.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco