Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 135.364.113
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 22 luglio 2021 alle 10:55

Introbio piange Margherita, 8 anni appena, la 'bambina dagli occhi belli'

La piccola Margherita
Si è risvegliata con una notizia tragica la comunità di Introbio: nella notte è infatti venuta a mancare la piccola Margherita, 8 anni, affetta dalla sindrome di Rett, una malattia neurologica provocata nella maggior parte dei casi da mutazioni spontanee del gene MECP2. Il calvario della regressione per lei - nata sanissima - era iniziato a soli 14 mesi, come aveva raccontato pochi mesi fa a IlGiornale.it la mamma Giuditta Mascheri, sempre al fianco della sua bimba e attivamente impegnata anche in una coraggiosa battaglia a favore della ricerca con l'associazione Pro RETT - legata in particolare all'Istituto San Raffaele di Milano - che in tempi recenti sembrava aver dato risultati confortanti.
"È come se a un impianto elettrico perfetto avessero improvvisamente staccato la spina" aveva detto la donna al quotidiano online, spiegando come la figlia, ormai, non potesse più camminare, parlare nè muovere le mani, al punto che per nutrirsi aveva bisogno del sondino naso-gastrico. Subdola e difficile da diagnosticare, la sindrome di Rett colpisce solo le femmine limitando il loro sviluppo cognitivo e motorio, tanto che viene anche definita "la sindrome delle bimbe dagli occhi belli".
Anni difficili, dunque, quelli vissuti da Margherita, colpita la scorsa estate anche da una polmonite fulminante che l'aveva costretta per quasi un mese in terapia intensiva. Ad appesantire ulteriormente la situazione, le limitazioni e i problemi dovuti al Covid, con i genitori lasciati senza alcun supporto nel prendersi cura di lei con tutte le difficoltà del caso.
Soltanto pochi giorni fa la piccola e la sua famiglia avevano raggiunto la provincia di Pistoia per un periodo di Terapia Ricreativa con Dynamo Camp, in un contesto appositamente strutturato per bambini affetti da patologie gravi o croniche. Nelle scorse ore, purtroppo, la prematura scomparsa, che ha gettato nello sconforto l'intera comunità valsassinese e non solo.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco