Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.210.960
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 31 agosto 2021 alle 15:00

Valmadrera: Emanuele e Gaia 'firmano' i murales al Rio Torto

Il Parco del Rio Torto di Valmadrera si presenta ai suoi frequentatori con una veste rinnovata grazie alle opere realizzate nel mese di agosto da Emanuele Arrigoni e Gaia Dal Poz, vincitori del concorso indetto dall'Ufficio competente del Comune con tema “Giovani e Sport”, a cui hanno partecipato sette artisti: tutte le opere sono state apprezzate dalla Commissione giudicatrice, che ha poi scelto quelle citate in quanto meglio si inserivano nel contesto degli impianti del Centro sportivo.




Emanuele Arrigoni, mandellese, studente al terzo anno presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, ha raffigurato personaggi maschili e femminili nell'atto di praticare le discipline che vengono svolte al Rio Torto quali calcio, basket, tennis ed atletica: le loro pose e i volti esprimono dinamicità e potenza, mentre i colori sono stati scelti non tanto per la loro rispondenza alla realtà, ma piuttosto per i toni vividi e giovanili che attirano l'attenzione. Al centro del murale è stata poi inserita la grande scritta "Rio Torto", come richiamo al nome del parco.



Gaia Dal Poz, di Pordenone, ha studiato Design della Comunicazione al Politecnico di Milano, ha lavorato in questi anni come libera professionista grafica, illustratrice e animatrice video, e sta avviando una piccola attività di stampe artistiche, su tela e su carta, con grafiche originali. La sua opera al Centro sportivo, con figure che fluttuano nello spazio della parete e danno vita all'ambiente, ha colori caldi e brillanti (gialli, rossi e turchesi), linee morbide e forme slanciate, che trasmettono un immediato senso di dinamismo. Gaia, inoltre, ha rappresentato personaggi privi di tratti identificativi e canonici, che risultano così inclusivi di ogni genere, etnia, appartenenza culturale e forma del corpo, proprio per sottolineare lo spirito di unione e inclusione che dovrebbe pervadere il mondo dello sport.




I due giovani artisti hanno lavorato non solo con grande professionalità ma anche con entusiasmo, generosità e disponibilità, ravvivando con le loro opere anche ulteriori porzioni di muro complementari rispetto a quanto identificato nel bando di concorso. Il Sindaco Antonio Rusconi ha dunque espresso particolare soddisfazione per i lavori realizzati, auspicando che i messaggi positivi espressi possano essere un augurio per la ripartenza di tutte le attività sportive, dopo due difficili stagioni penalizzate dal Covid.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco