Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.118.461
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 10 settembre 2021 alle 08:38

PAROLE CHE PARLANO/38

Consolare

Magnifica parola, che nasce dal verbo latino consōlare (cum=insieme solari=confortare) cioè recare sollievo. Anche solo leggendola, essa è in grado di trasmettere un senso di solidarietà e di partecipazione. Chiunque provi empatia e consoli il proprio prossimo manifesta una profonda umanità, perché è capace di cogliere il disagio, il dolore e lo sconforto e può quindi portare un pizzico di serenità. Lo fa una madre quando con un semplice bacio cerca di attenuare il dolore per una caduta del proprio figlio; un lavoratore quando si preoccupa per il disagio di un collega che ha subito un torto; un insegnante che cerca di far capire ai propri alunni che anche gli errori aiutano a crescere. Chi consola raggiunge probabilmente uno dei punti più profondi della comunione che può legare gli esseri umani.  
Come potrebbe lasciare intendere, sarebbe bello se il termine latino solari avesse anche un legame con il sole (ma purtroppo non è così), capace comunque di riscaldare il corpo e l'anima, di portare luce lì dove manca, di rinvigorire e colorare la natura con la sua energia, come Leopardi ci racconta nella sua Ginestra:
Or tutto intorno
Una ruina involve,
Dove tu siedi, o fior gentile, e quasi
I danni altrui commiserando, al cielo
Di dolcissimo odor mandi un profumo,
Che il deserto consola.



PER RILEGGERE LE PRECEDENTI PUNTATE DELLA RUBRICA, CLICCA QUI

Rubrica a cura di Dino Ticli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco