Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 135.360.238
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 10 settembre 2021 alle 11:42

Lecco: infortunio sul lavoro per un 58enne. Sul tetto del comune in 2 senza dispositivi

Gli è stato attribuito un codice rosso, di massima gravità, ma non parrebbe essere in pericolo di vita il 58enne rimasto vittima nella mattinata odierna di un infortunio sul lavoro verificatosi all'interno di una delle attività affacciate su via Gian Battista Vico a Pescarenico. Per ragioni al vaglio dei Carabinieri intervenuti in posto come da prassi insieme a personale dell'ATS, l'uomo si sarebbe tagliato ad un braccio con il flessibile con cui stava operando. Copiosa la fuoriuscita di sangue, tamponata in prima battuta dai soccorritori arrivati celermente in posto qualche minuto dopo le 9, dopo la chiamata al numero unico per le emergenze. Ricevute le prime cure, il paziente è stato instradato verso l'ospedale Manzoni.

Un fotogramma estratto dal video pubblicato dal consigliere Zamperini

In contemporanea, in tema di sicurezza sul lavoro, si è levata - via social - l'indignazione del consigliere comunale di Fratelli d'Italia Giacomo Zamperini che ha diffuso un video che riprende due persone sul tetto del Palazzo municipale, lato piazza della stazione, senza alcun dispositivo di protezione, invocando l'intervento del primo cittadino.
"La Giunta Gattinoni si riempie la bocca di slogan per i diritti e la sicurezza sul posto di lavoro, ma poi non si accorge di cosa capita proprio sopra la sua testa. Signor Sindaco, faccia scendere immediatamente quelle persone, prima che qualcuno si faccia del male!". Un appello velocemente ascoltato, con i due lavoratori che hanno poi continuato nel loro compito con le necessarie tutela di sicurezza.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco