Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 135.360.441
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 12 settembre 2021 alle 13:33

Valmadrera: in tanti per il Triathlon, con partenza e arrivo da Parè. Tra gli iscritti un 78enne

Giornata all'insegna del Triathlon quella di oggi, domenica 12 settembre, a Valmadrera, dove si unite tre discipline sportive - il nuoto, il ciclismo e la corsa - per dare spettacolo complice una bellissima giornata di sole che ha fatto sì che ci fosse un gran numero di spettatori a supporto degli atleti lungo tutto il percorso. L'organizzazione è stata curata da Spartacus Events di Renzo Straniero, da anni impegnata in manifestazioni di questo tipo sul territorio lecchese. Più di cento gli uomini che hanno preso parte alla gara, una quarantina le donne. Tante le adesioni di volti noti nel mondo del Triathlon, con le conferme di Chiara Cavalli (Cus Parma), Matteo Zontini (Raschiani Pavia) e del fresco Campione Italiano di TriCross Michele Bonacina (Valdigne Tri).



Campo base della competizione il pratone di Parè, dove sono stati allestiti la partenza, l'arrivo, gli spogliatoi e una postazione dj set e speakeraggio, oltre che l'equipe dei soccorsi. La prima frazione, quella a nuoto di 750 metri, ha previsto un tracciato di gara con "start" dall’affascinante Porticciolo di Valmadrera, che si è sviluppato "a forma triangolare" nello specchio d’acqua antistante il Golfo di Lecco e l’elegante Lungolago di Malgrate.


La seconda, quella in bicicletta, ha seguito invece un percorso di 20 chilometri e di tre giri ad anello con andamento ondulato, che ha portato gli atleti dalla riva alla periferia opposta della Città attraversando il suo suggestivo centro storico. La terza e ultima frazione, quella a piedi da 5 chilometri, è stata caratterizzata da un unico spettacolare giro su asfalto attraverso il Parco del Rio Torto: rispettivamente ai 2.5 e a 4.1 chilometri, la “collina del maglio” e la “Battisti” hanno rappresentato due brevi ma impegnativi strappi in ascesa che hanno messo a dura prova le gambe degli atleti e che sono stati determinanti per la vittoria finale.



Maestoso l'arrivo con lo sfondo naturale del Porto di Parè, da poco oggetto di restyling e di risanamento insieme all’intera area a lago, destinazione finale in un teatro di gara altamente scenografico e completato dalla severa presenza delle più famose montagne rocciose lecchesi, il Resegone, la Grignetta e il San Martino. La gara è stata riservata alle categorie Under 23, Senior e Master. A disposizione un extra bonus in denaro per chi abbattesse il record cronometrico di 1h01’49” e 53’01” detenuti rispettivamente, per le donne e gli uomini, dall’argentina Makre Camila Soledad e dall’italiano Valerio Patanè.



Tanti i volontari che, con le forze dell'ordine, hanno garantito il regolare svolgimento della gara, che ha richiesto la chiusura di una serie di strade all'interno della città di Valmadrera a partire dalle 10.45 fino alle 13.00 tra cui viale Promessi Sposi, creando un po' di disorientamento tra i cittadini, ma anche tra alcuni turisti stranieri in cerca della strada per Bellagio.
Presente sul luogo anche il personale medico, che durante il percorso in acqua ha dovuto effettuare qualche intervento sia nella batteria degli uomini che in quella delle donne.
Variegata l'età dei partecipanti che si sono cimentati nel Triathlon di fine estate, con tanti giovani e nuove promesse dello sport, ma anche alcuni adulti che hanno deciso di divertirsi: il più "grande" in gara oggi è risultato un uomo classe 1943.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

A.G.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco