Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.354.387
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 17 settembre 2021 alle 11:22

Alpe Giumello: ultima mungitura e... una nuova nata per salutare un'estate 'positiva'

Ultima mungitura all'Alpe Giumello ieri pomeriggio alle 16.30. I fischi di Oscar Fondrini hanno richiamato le vacche che erano al pascolo e subito sono giunte attorno al carro.

VIDEO


Da quest'oggi, dunque, in questi pascoli non si sentiranno più i campanacci suonare: le mucche saranno a Tartano, sede dell'azienda agricola, la monticazione per quest'anno è terminata. "E' stata una buona stagione, c'è stata erba a sufficienza per la mia malga - spiega Oscar -. Ho prodotto tanti formaggi".



Con l'iniziativa "Adotta una mucca" promossa dal comune di Bellano per gli alpeggi di Camaggiore e Chiaro hai avuto un buon flusso di acquirenti?
"Sì, in pochi giorni dal lancio tutti gli animali erano stati adottati. Tante persone sono arrivate a chiedere se ce n'erano altri, ma erano finiti. È stata una bella idea da parte dell'Amministrazione di Bellano".
Le vacche sono state bene durante l'estate?
"Sì, è andato tutto bene. Abbiamo avuto tre parti in alpeggio e uno pochi giorni fa a casa. La vacca Nutella, primipara di mio cugino, è stata portata a Forcola in Valtellina dove ha dato alla luce una bella femmina".



Ora per te è tempo di riposo?
"Niente vacanze. Da domani con le vacche saremo nei maggenghi a Tartano, per un mese circa abbiamo i pascoli da dove siamo partiti a giugno prima di venire qui". Oscar, sua sorella Paola e la mamma Iole hanno dunque terminato la stagione a Giumello, Chiaro e Chiaretto, dove torneranno l'anno prossimo.



Per fare questo antico mestiere di allevatore e pastore non serve una laurea, ma si deve essere ricchi di buona volontà, pazienza e coraggio, perché questo non è solo un lavoro, è la vita, e chi decide di intraprendere questa strada lo fa per passione, insieme alla propria famiglia che ne segue le orme.
M.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco