Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.026.188
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 27 settembre 2021 alle 10:40

'Corenno il borgo dai mille gradini': premiati i vincitori del concorso letterario

Si è svolta sabato 25 settembre nella piazza antistante la chiesa dedicata a San Tommaso di Canterbury a Corenno Plinio la premiazione del Concorso letterario "Corenno il borgo dai mille gradini", organizzato dal Comune di Dervio in collaborazione con LetteLariaMente, che ha visto la partecipazione di 67 scrittori da tutta Italia.




Il genere assegnato per il primo anno è stato “il giallo” e gli iscritti hanno inviato racconti thriller, noir e polizieschi ambientati in un paesino italiano, il 40% dei quali proprio a Corenno Plinio.
La premiazione, condotta dal giornalista Fabio Panzeri e dallo scrittore e presidente di giuria Luca Crovi, ha assegnato i seguenti riconoscimenti:
- Paolo Barletta di Napoli per “Nessuna pietà per i deboli” – primo premio
- Paolo Valsecchi di Milano per “Il casco del palombaro”- secondo premio
- Cristina Biolcati di Ferrara per “La gatta” – terzo premio
- Alessandra Jorio di Jesi per  Una stretta di mano” – premio speciale Comune di Dervio
- Richard Meoli di Torre de’ Busi per “Coren…no coi tacchi” – premio concorrente più giovane




E’ stata inoltre realizzata un’antologia dei 21 migliori racconti scelti dalla Giuria composta da Luca Crovi, Liù Lamperti, Fabiana Piazza, Livia Vaiano,  Roberto Pozzi e Roberto Santalucia.
Di seguito i selezionati:
- Francesca Gnemmi di Novara per “Senza coscienza”
- Francesco Brusò di Venezia per “Una scarpa”
- Francesco Dionigi di Casalpusterlengo per “Corenneros in borgo”
- Francesco Santoro di Dervio per “Un presepi per ogni purtun”
- Giuseppina Barzaghi di Cantù per “Due orecchie di troppo”
- Giampiero Giordano di Asti per “Mille gradini insanguinati”
- Giuseppe Macauda di Modica per “Un grido nel borgo”
- Luca Cionfoli di Cassino per “Un lavoro coi fiocchi”
- Luigi Brasili di Tivoli per “La lettera scomparsa”
- Miriam Cervellin di Saronno per “Il Panda”
- Matteo Petecca di Benevento per “Alina”
- Ruggero Maria Delli Santi di Benevento per “La volpe del lago”
- Silvia Colombo di Mandello del Lario per “Non voltarti”
- Stefano Ciofi di Poggibonsi per “La Madonna col bambino”
- Virna Dotti di Mandello del Lario per “Dov’è la luna”
- Vittorio Caratozzolo di Genova per “Ditus Impudicus”




Il Sindaco di Dervio Stefano Cassinelli, presente alla manifestazione, ha sottolineato come un evento culturale del genere permetta di valorizzare sul territorio il celebre borgo dai mille gradini, mentre Annalia Danieli, presidente della Consulta Cultura del Comune, ha confermato la validità dell’iniziativa e quindi la sua prosecuzione per il 2022.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco