Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.208.952
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 03 ottobre 2021 alle 17:49

Calcio: il Lecco fuori casa non vince, ko anche con il Fiorenzuola


LEGA PRO
SETTIMO TURNO: FIORENZUOLA – LECCO 2-1


Ancora digiuno in trasferta per il Lecco che colleziona la terza sconfitta lontano dal “Rigamonti-Ceppi”. Dopo Vercelli e Trieste, anche Fiorenzuola si rivela una trappola per i blucelesti che pur giocando in modo discontinuo (primo tempo positivo, ripresa meno efficace) non meritavano di subire il ko. Dopo un avvio promettente con giusto vantaggio (primo gol di Enrici), il Lecco ha incassato il pareggio al tramonto della prima frazione. Nella ripresa gli aquilotti si sono ben espressi solo a tratti e 8' dalla fine sono stati puniti da un rigore a dir poco generoso (eufemismo). Con un uomo in meno per  l'espulsione di Lora, il Lecco ha cercato di acciuffare il 2-2 ma sono mancate energie e idee. Il pareggio sarebbe stato sicuramente risultato più equo.
“Rigore inventato?  Non ho visto le immagini e non voglio commentare il discorso arbitro – ha così risposto il tecnico Zironelli alla prima domanda del dopo partita – Nei primi 45' abbiamo praticato un buon calcio ma nel finale c'è stato il gol di Bruschi, incassato su cross basso in ripartenza.  Nella ripresa dopo i primi cinque minuti siamo tornati a giocare, non subendo nulla, a parte una serpentina di Bruschi. Abbiamo poi creato opportunità con Giudici e Masini. La partita si stava avviando verso il pareggio”.
E in merito all'espulsione di Lora, il mister bluceleste ha commentato: “appena commettiamo un fallo scatta l'ammonizione. La prima data a Pippo Lora è stata su un fallo inesistente. Ma ripeto, siccome si sono lamentati in tanti, io non mi lamento. Comunque perdere così girano le scatole. Non posso dire nulla ai miei ragazzi a livello di impegno”.            
Domenica prossima il Lecco ospiterà al “Rigamonti-Ceppi” il Padova capolista, fermato oggi sull'1-1 da un sorprendente Seregno.

Cronaca
Rispetto alla gara di mercoledì con la Pro Patria, mister Zironelli cambia tre giocatori. Al posto di Merli Sala inserisce Celjak, mentre in avanti Ganz e Petrovic, rilevano Tordini e Mastroianni. In mediana, a formare la cerniera, c'è Kraja accanto a Lora.  Il Lecco parte bene e dopo 4' bella palla di Iocolano per Ganz  ma l'azione è fermata dall'arbitro per fuorigioco. Al 6' Cavalli cade in area ma non è rigore. Al 10' un ispirato Iocolano serve Petrovic che rallenta, la sfera diventa preda di Lora, il cui tiro è rimpallato. Il Lecco crea i presupposti ma manca il guizzo davanti.     
Guizzo che si materializza al 24' a suggello di una certa superiorità. Ganz dalla sinistra calcia verso il palo più lontano, inserimento di Enrici che in scivolata insacca. Primo gol in bluceleste per il 2001 di Cuneo, cresciuto nel Torino.
Al 29' gran deviazione di Pissardo su calcio di punizione battuto da Bruschi. Sugli sviluppi del corner ancora Pissardo protagonista; il portiere lecchese prima neutralizza su Currarino,  poi su Potop.  Al 38' botta di destro del solito Bruschi che costringe Pissardo a un intervento in due tempi. Bruschi ha il piede caldo e lo dimostra al 45 con un perfetto destro dal limite che si deposita nel sacco, dopo aver colpito il palo. Bella la giocata in transizione dell'attaccante emiliano ma difesa del Lecco rivedibile.  
In avvio di ripresa, al 3', incursione dell'inossidabile Ettore Guglieri (ex bluceleste), bloccata da Marzorati.  
Ma è il Lecco a costruire una ghiotta opportunità al 12'. Il portiere Battaiola si rivela però insuperabile sulle conclusioni di Masini e Lora. I blucelesti prendono campo ma devono guardarsi dal contropiede rossonero, sempre insidioso. Bruschi fa il bello e il cattivo tempo e al 15' getta scompiglio nella difesa degli aquilotti.
Al 24' azione Iocolano-Mastroianni- Giudici e tiro sballato di quest'ultimo. La gara rimane aperta. I rossoneri pressano molto, impedendo al Lecco lo sviluppo di un gioco lineare.
All 35' Rigore per il Fiorenzuola con tanto di rosso (doppia ammonizione per Lora). Presunto tocco di mano di Lora che si stava proteggendo il viso. Proteste ma l' arbitro è irremovibile. Dagli undici metri Tommasini trasforma, beffando Pissardo che aveva intuito.    
Ultima chance per i ragazzi di Zironelli nel recupero ma il centro di Zambataro non viene raccolto. Si chiude così, con una sconfitta amarissima per i blucelesti.

TABELLINO

FIORENZUOLA (4-3-3): Battaiola; Potop, Ferri, Cavalli, Guglieri (34' st Di Marco); Currarino (40' st Godano), Zaccaria, Nelli (17' st Esposito); Mamona, Oneto (1' st Tommasini), Bruschi(33' st Palmieri).
A disposizione: Burigana, Olivera, Maffei, Giani, Arrondini, Donovaro, Varoli.
Allenatore: Luca Tabbiani

LECCO (3-4-2-1): Pissardo; Celjak, Marzorati (9'st Battistini), Enrici; Masini, Lora, Kraja (23' st Giudici), Zambataro; Iocolano (38' st Lakti), Petrovic (9'st Mastroianni), Ganz (23' st Tordini).
A disposizione: Ndiaje, Galli, Di Munno, Merli Sala, Reda, Bia, Buso.
Allenatore: Mauro Zironelli

ARBITRO: Rinaldi di Bassano del Grappa.

MARCATORI: 24' pt  Enrici (L), 44' pt Bruschi (F), 37' st Tommasini (F) su rigore

NOTE: Campo in buone condizioni.  
Ammoniti: Potop, Bruschi, Celjak, Palmieri
R.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco