Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.359.102
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 05 ottobre 2021 alle 16:45

Lecco: travolse un pensionato sul lungolago, 24enne patteggia. Pena sospesa

Una foto scattata il giorno dell'incidente
Un anno e cinque mesi, pena sospesa. Questa la pena applicata, su richiesta della parti, dal Gup Salvatore Catalano nei confronti di un 24enne di Monticello che, il 21 settembre del 2020, alla guida della sua Polo, ha investito il lecchese Alfio Natale Dell’Oro, 84anni, mentre stava attraversando la strada sul lungolago. L’anziano, in seguito alle gravi ferite riportate a causa del violento impatto - che lo aveva fatto sbattere dapprima sul parabrezza dell’autovettura e poi, dopo un volo di alcuni metri, contro l’asfalto - era deceduto il giorno successivo all’ospedale Manzoni dove era stato trasportato d’urgenza.
È stato proprio l’esito tragico di quel sinistro a trascinare il giovane conducente a giudizio, con l’accusa di omicidio stradale. Assistito dall’avvocato Alessandra Carsana, il giovane lo scorso giugno al cospetto del giudice per le udienze preliminari Paolo Salvatore aveva tentato - dopo l’accordo trovato con il sostituto procuratore Flavio Ricci - di patteggiare ad un anno: troppo poco secondo il dott. Salvatore, che aveva così rimesso la causa davanti al collega Catalano. La via del patteggiamento è stata scelta nuovamente stamattina, aumentando di cinque mesi la pena finale, sempre previo l’accordo con il pubblico ministero, oggi nella persona del sostituto procuratore Chiara De Francesco. Anche oggi presenti in aula quale parte civile gli avvocati Marcello Perillo per il figlio dell’anziano deceduto (Alessandro, anch’egli toga del foro lecchese) e il collega Luigi Taruselli per la moglie, la figlia e i nipoti.
Il giudice Catalano, ritiratosi in camera di consiglio, ha applicato al monticellese una condanna pari a anno e cinque mesi, pena sospesa in considerazione anche degli accertamenti svolti a seguito del sinistro che hanno evidenziato come il pedone stesse attraversando in diagonale, ben distante dalle strisce.
B.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco