Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.717.229
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 08 ottobre 2021 alle 11:52

Il 9 il Giro di Lombardia: ecco le strade lecchesi interessate dal passaggio dei ciclisti

Da Limonta di Oliveto Lario a Calolzio, sono poco più di venti i chilometri lecchesi del Giro di Lombardia, che domani, sabato 9 ottobre, si corre sulle strade della nostra regione nella classica internazionale di fine stagione delle due ruote a pedale.
La partenza verrà data alle 10.30 da Como e, nel tracciato di gara, vi sarà la diversità di un Ghisallo affrontato dalla salita meno impegnativa, quella che corre sopra Asso, lungo la valle del Lambro, a Lasnigo, Barni e Magreglio, sino al valico con il santuario della Madonnina dei ciclisti. Vi sarà, qui, la discesa velocissima verso Civenna e Bellagio, con un tratto molto breve sul pianoro tra Guello e Civenna, dove si ricongiunge il territorio comunale di Oliveto Lario con la frazione Limonta, che è, quindi, già in provincia di Lecco.


Un'immagine storica del passaggio al Ghisallo

I Comuni "nostrani" interessati dal passaggio del Giro di Lombardia saranno, dunque, quelli di Oliveto Lario, Valmadrera (Parè), Malgrate, Pescate, Garlate, poi il ponte di Olginate e, quindi, Calolziocorte, prima di puntare verso la provincia di Bergamo. Nella città orobica è fissato il traguardo del Giro di Lombardia 2021, che prevede la partecipazione dei migliori corridori del ciclismo nazionale ed internazionale.
La novità del Ghisallo affrontato quest’anno dal lato meno impegnativo può ricordare l’edizione del 1961 quando Vincenzo Torriani portò la novità del super Ghisallo: salendo sino a Guello da Bellagio, i corridori lasciavano il tradizionale tracciato per imboccare la lunga e difficile salita verso il Piano Rancio, dove transitò per primo Aldo Moser, il maggiore dei diversi fratelli corridori, purtroppo scomparso nella primavera scorsa. Aldo sarà poi nono al traguardo finale di Como. Ma il super Ghisallo non ebbe seguito perchè venne evidenziato che nella discesa sino a Magreglio saltava, sia pure di poche centinaia di metri, il valico tradizionale della chiesetta dei ciclisti. L’esperimento venne quindi cancellato.

Per il cronoprogramma con il dettaglio delle strade interessate dal passaggio del Giro (e le relative chiusure) seleziona l'opzione CRONOTABELLA a QUESTO LINK.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco