Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.209.822
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 08 ottobre 2021 alle 13:34

Maggianico: al Circolo Figini la mostra 'Curiosità di un motoraduno', dal 16

Dal 17 ottobre al 19 dicembre, il Circolo F.lli Figini in via dell’Armonia 5, a Maggianico, ospiterà la mostra "Curiosità di un motoraduno", con fotografie di Rosandro Cattaneo dedicate ai 100 anni della Guzzi.
L’esposizione, a cura di Daniele Re, presenta un reportage che guarda alle due ruote e alla loro storia, ma anche ai "centauri" e ai visitatori incuriositi a cui Cattaneo “ruba” dei ritratti, cogliendo inoltre alcune peculiarità del rapporto tra questi e le moto. Il fotografo guarda i particolari meccanici e l’ambiente tra lago e montagne in cui si svolge la manifestazione, documentandone alcuni momenti istituzionali come le premiazioni. L’esposizione conduce dunque direttamente all’interno del raduno tenutosi a Mandello del Lario nel 1991, in occasione dei settant’anni della casa motociclistica, per scoprire le sue curiosità, i suoi particolari e le persone che vi hanno preso parte.



Per restituire l’atmosfera e il fascino dei mezzi d’epoca alle sue fotografie, Rosandro Cattaneo sceglie di scattare con una pellicola in bianco e nero, che sviluppa però come se fosse a colori (C41), dandole così un’intonazione seppia. Inoltre per la loro stampa (1992) decide di usare una carta per istantanee a colori, aggiungendo un’ulteriore, benché leggera, sfumatura all’immagine, ora più gialla, più verde o viola.



Per meglio introdurre le fotografie e descrivere l’atmosfera dei raduni la mostra è accompagnata dalle memorie di Stefano Bonacina, presidente del Moto Guzzi Club Mandello, raccolte da Daniele Re, che avvicinano il visitatore allo spirito del guzzista: un senso di appartenenza e un sentimento che conduce a Mandello motociclisti da tutta Europa e oltre.



La mostra è un momento di valorizzazione della storia del territorio che si arricchisce delle fotografie istantanee dedicate da Daniele Re al Circuito del Lario, la competizione che si correva sulle strade della Valsassina e di cui si ricorda quest’anno il centenario. Nelle sue quindici edizioni, svoltesi dal 1921 al 1939, hanno partecipato e vinto alcune tra le prime Moto Guzzi messe in produzione. Per realizzare le sue fotografie Daniele Re ha ricercato tra le immagini storiche della gara quelle che mostrano i punti salienti del circuito, quindi li ha immortalati con le medesime inquadrature per vedere come il tracciato è cambiato nel tempo.



L'apertura della mostra "Curiosità di un motoraduno. Fotografie per i 100 anni della Moto Guzzi" si terrà sabato 16 ottobre alle ore 17.30. In quest’occasione sarà possibile incontrare il fotografo Rosandro Cattaneo e il curatore Daniele Re che accompagneranno i visitatori lungo il percorso. L'esposizione resterà poi allestita fino al 19 dicembre, da martedì a domenica dalle 8.00 alle 22.00. Ingresso libero.



Rosandro Cattaneo (Mandello del Lario, 1942) è un amatore che inizia a fotografare dai primi anni ’70, e nel decennio successivo sperimenta il linguaggio audiovisivo partecipando a diverse rassegne come il Festival Internazionale di diaporama (Legnano, 1991). Dai primi anni ’90 si interessa a tecniche alternative rispetto a quelle tradizionali, usando la Polaroid e il foro stenopeico, entrambe fortemente legate alla temporalità: dallo sviluppo istantaneo nella prima ai tempi lunghi necessari per impressionare la pellicola nella seconda. In questi anni Cattaneo lavora inizialmente come carpentiere metallico e in seguito come autista di pullman, mantenendo il suo interesse creativo. Così il suo rapporto con la fotografia è definito dall’affetto verso le immagini realizzate (spesso copie uniche) e dal rispetto per le macchine che si costruisce da sé, oltre che dal divertimento della sperimentazione tecnica.


© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco